R-EVOLUTION BAND: THE DARK SIDE OF THE WALL

534911_142369489277395_952301570_nSi chiama “The Dark Side Of The Wall” ed è il secondo album della R-Evolution Band, che segue a distanza di due anni ‘Versus’. Il disco non è un’emulazione, né tantomano una cover dell’originale, ma distrugge e ricostruisce integralmente il capolavoro dei Pink Floyd ‘The Wall’, nell’anno del settantesimo compleanno del suo creatore Roger Waters. L’esigenza di questa operazione nasce dal fatto che, dalla sua uscita nel 1979, l’intero progetto non era mai stato manomesso in maniera irreversibile: non ci si è limitati a destrutturare i singoli brani, ma si è cercato di accomunarli in un nuovo concept, che divide l’album in due parti, come nell’originale. L’intro e l’outro in giapponese aprono e chiudono il cerchio di The Dark Side Of The Wall, e vogliono fin dall’inizio spingere a una ‘nuova’ prospettiva di ascolto. Se in alcuni brani ci si può trovare a proprio agio, prendendo come appiglio evidenti riferimenti al disco originale, nella maggior parte, pur utilizzando elementi apparentemente nascosti nel capolavoro floydiano, si è lavorato sulla revisione melodica, armonica e strutturale che ha portato ad esplorare forme e generi diversi conducendo a risultati inaspettati, molto lontani dal punto di partenza. Non si ha nessuna certezza sulla reazione che susciterà Another Brick In The Wall pt.1 in chiave etno-rock o la più famosa pt.2 in stile speed metal/hardcore/free jazz, passando per l’electronic/hurban di Young Lust o il reggae di Run Like Bells (riadattata dall’originale Run Like Hell), ma il tutto segue un percorso lineare che andrebbe visto come un’unica traccia. Dopo due anni di lavoro di assimilazione, distruzione e ricostruzione il “lato oscuro” di The Wall è finalmente uscito.

Per info: http://www.r-evolutionband.com/

Per altre anteprime clicca “continua a leggere

Shine On!

4 comments

  1. Ciao Simone,sicuramente sono bravi,ma sinceramente i Pink Floyd sono unici e irripetibili…artefici di capolavori che ancora oggi,molti artisti non sanno come sono riusciti a comporre note e testi veri capolavori! Ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...