ROGER WATERS: LIVE @ DESERT TRIP FESTIVAL

Roger Waters in occasione del Desert Trip Festival in cui suonerà  il 9 e il 16 ottobre ha affermato di aver allestito uno spettacolo ad hoc, che si potrà vedere solo in questo grande festival in cui userà “il più grande impianto quadrifonico mai visto“. Ed ha anche dato nuove informazioni sull’attesissimo nuovo album:

Ho avuto un po’ di tempo per pensarci, mentre lavoravo al prossimo album, che sarà finito entro l’anno e uscirà nella primavera del 2017. A metà circa del concerto ci sarà un momento molto teatrale e spettacolare, del quale sono davvero soddisfatto“. Molto probabile un’allusione al candidato repubblicano alle presidenziali americane Donald Trump e al suo progetto di costruire un muro alla frontiera del Messico: “Costruire muri non è mai una buona idea – e se ve lo dico io potete credermi.

AGGIORNAMENTI:

Questa la scaletta del 9/10: Speak to Me, Breathe, Set the Controls for the Heart of the Sun, One of These Days, Time, Breathe (Reprise), The Great Gig in the Sky, Money, Us and Them, Fearless, You’ll Never Walk Alone (Gerry & The Pacemakers), Shine On You Crazy Diamond (Parts I-V), Welcome to the Machine, Have a Cigar, Wish You Were Here, Intermezzo, Pigs on the Wing 1, Pigs on the Wing 2, Dogs, Pigs (Three Different Ones), The Happiest Days of Our Lives, Another Brick in the Wall Part 2, Mother, Brain Damage, Eclipse, Why Cannot the Good Prevail, Vera (acustica), Bring the Boys Back, Home (acustica), Comfortably Numb

Questa la scaletta del 16/10: Speak to Me, Breathe, Set the Controls for the Heart of the Sun, One of These Days, Time, Breathe (Reprise), The Great Gig in the Sky, Money, Us and Them, Fearless, You’ll Never Walk Alone (Gerry & The Pacemakers), Shine On You Crazy Diamond (Parts I-V), Welcome to the Machine, Have a Cigar, Wish You Were Here, Intermezzo, Pigs on the Wing 1, Pigs on the Wing 2, Dogs, Pigs (Three Different Ones), The Happiest Days of Our Lives, Another Brick in the Wall Part 2

Da Corriere.it: “Anche Roger Waters, che nelle pause fra un successo dei Pink Floyd e il successivo sorprende le orecchie con effetti speciali in quadrifonia, spinge sulla politica. Durante «Pigs» sul megaschermo scorrono parodie di Donald Trump (con in mano un dildo, trasformato in pecora…) e quindi una raccolta delle frasi più improbabili del candidato repubblicano, quelle su donne, stranieri, neri e soldi, per concludere a tutto schermo, «Trump is a pig, è un maiale» mentre un enorme suino gonfiabile di floydiana memoria gira sulla platea. Il pubblico applaude. Poco più avanti offre «solidarietà agli studenti che manifestano a favore della Palestina» e chiede al governo israeliano di «terminare l’occupazione». Dagli anni Sessanta si è aperta un porta spazio temporale. Bisogna tornare al presente. È finita anche la musica.”

A QUESTO LINK la pagina Getty Images dell’esibizione di Roger al Desert Trip Festival con delle fotografie fantastiche, assolutamente da vedere!

Roger Waters:”Il Desert Trip era una specie di Rolling Stones/Beatles/Pink Floyd e poiché mi toccava rappresentare i Pink Floyd dovevo dare un bello, lungo, forte, amorevole e nostalgico sguardo al lavoro che David, Rick, Nick, Syd e io abbiamo fatto assieme fra il 67 e l’82, che sono gli anni in cui c’ero anch’io. Penso che sia un grande insieme di lavori e sono felice di usare questo weekend per rendere omaggio a loro e a quella band.

ULTERIORI AGGIORNAMENTI APPENA DISPONIBILI!

13161718_1084844571559347_489491007072246051_o

Shine On!

48 comments

  1. X quanto concerne una reunion mio caro amico Giain non accadrà mai più e io sono d’accordo con loro. Loro per primi sanno che la morte di wright ha tolto definitivamente le già piccole speranze che c’erano. E fanno bene, loro a differenza di altre rockstar troie che fanno reunion x i soldi o pubblicità si vogliono x l’ennesima volta distinguere dalle altre band, vedi rolling, police, queen, led Zeppelin ect. Forse l’unica speranza che ancora possiamo avere è che di comune accordo non facciano un settembre un concerto insieme da dedicare alla memoria di rick Wright.

  2. Rispondo al mio amico Giain.
    Le parole di Roger Sono stupende, e aumentano il rammarico che dopo division bell abbiamo dovuto aspettare 14 anni x vedere un disco ufficiale con scritto Pink Floyd. Se una volta terminato il division bell tour e dopo la reunion x il live 8 con Rick wright ancora vivo, si sarebbe potuto mettere sotto terra le pistole e dialogando dividendosi le colpe, forse ci sarebbe uscito l’ultimo capolavoro in quattro.
    Sono dichiarazioni che dimostrano rammarico x come è andata e forse anche malinconia x i bei tempi andati. Infine secondo me lui ha una sofferenza personale per la vicenda e la morte di syd e inoltre anche un po’ il senso di colpa x come ha trattato wright e che la morte di quest’ultimo non ha chiarito il rapporto tra loro. Ciao me amigu

  3. Scusate ma delle splendide parole che Roger ha rivolto agli ex componenti dei Pink Floyd non dite niente ? Qualcuno dirà meglio tardi che mai , comunque è un passo avanti , ma perché non telefona a David e Nick e si mette d’accordo per fare qualche pezzo insieme? Pensavo anche un ‘altra cosa , quando ci sarà il probabile tour europeo nel 2018 Roger avrà 75 anni……😣

  4. Pat ho poco tempo a disposizione, la musica l’ascolto solo in macchina durante i miei spostamenti , il blog lo seguo sempre con il cellulare e commento nei momenti di pausa , ma infatti non sono un intenditore come voi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...