RECENSIONI: ROGER WATERS – TOUR INDOOR IN ITALIA

Dopo aver visto il “The Wall Tour” di qualche anno fa, quando Roger Waters ha annunciato che sarebbe tornato a suonare dal vivo, ho pensato subito che il tour non sarebbe mai potuto essere della stessa portata. Da un lato non mi sbagliavo: naturalmente il “pathos” del muro e tutti gli effetti speciali dello scorso tour non ci sono più ora che lo show è in posti più piccoli (discorso diverso per le date all’aperto di luglio…), dall’altro lato credevo che la parte emotiva non sarebbe stata ugualmente avvicinata ed invece il live Us+Them ha una carica emozionale incredibile. Difficile non riuscire ad essere trasportati da quello che è.. “la forza trainante” dei Pink Floyd.

Lo spettacolo a cui ho assistito è stata la data del 22 Aprile a Bologna – Unipol Arena.

Arrivati sul posto l’emozione è tanta, non sapevo cosa aspettarmi, ho volutamente cercato di vedere pochissimo delle esibizioni precedenti per non rovinarmi la sorpresa, entrati nel palazzetto, mi sono posizionato poco più avanti della metà dell’arena, un po di lato, fortunatamente… lo show è iniziato un pò in ritardo, 21.15, ma ne è valsa la pena. La prima parte dello show è fluida, scorre veloce, i brani sono eseguiti dalla band in modo fedele ai dischi originali, credo che Roger abbia fatto mangiare uno spartito per chitarra al chitarrista Dave Kilminster perchè gli assoli sono stati riprodotti nota per nota, senza spazio di interpretazioni personali. Ma è nella seconda parte dello show che si rimane a bocca aperta: non avrei mai potuto pensare ad una coreografia del genere inserita in un palazzetto. Follia pura! Per i brani di Animas dal soffitto è scesa una fottuta Battersea Power Station con tanto di ciminiere fumanti e Maiale.. Ma come cazzo si fa? La quadrifonia si è sentita tutta e nei momenti in cui tutte le casse funzionavano contemporaneamente tremava il pavimento, nonostante ciò il suono è rimasto sempre pulito, credo però non si possa dire altrettanto per chi ha assistito dagli spalti. Ad ogni modo ho visto il luccicare degli occhi nelle persone, e questo tanto basta per capire che Roger ha colpito il bersaglio: arrivare al cuore delle persone, senza contare una cazzo di piramide per il finale di “Eclipse”: senza parole. Per il gran finale questa volta si è scelto di sacrificare “Mother” per la mini suite dal suo ultimo album “Wait For Her,Oceans Apart,Part of Me Died” e poi la classica Comfortably Numb. Siginificativa l’immagine finale a fine concerto in cui tutti i componenti della band dopo gli applausi sono scesi, l’ultimo ad andare è stato proprio Roger, molto provato, stanco, senza voce, ma in grado di commuoversi e far commuovere ogni volta il suo pubblico.

Quello che impressiona dei suoi concerti è la potenza comunicativa diretta, spedita a tutti senza mezze misure, alla fine il concerto è sviluppato come un enorme punto interrogativo rivolto al pubblico: è questa la vita che vogliamo veramente? Perché proprio mentre dovremmo essere più consapevoli siamo indifferenti e silenziosi? Sono i temi di “Is This The Life We Really Want?” ma anche quelli di “The Wall ” del 1979 o “Animals” del 1977 e Waters sottolinea che niente è cambiato aggiornando l’immaginario dei suoi pezzi classici al nostro tempo. E come ci dice Roger, teniamo bene a mente:

“RESTIAMO UMANI”!

E’ mancato qualcosa allo spettacolo? Si: il suono e la voce di David Gilmour. Ma questa è un’altra storia..

Embed from Getty Images Embed from Getty Images

Scaletta:

Speak To Me / Breathe
One Of These Days
Time
Breathe (Reprise)
The Great Gig In The Sky
Welcome To The Machine
Déjà Vu
The Last Refugee
Picture That
Wish You Were Here

The Happiest Days Of Our Lives
Another Brick In The Wall Part 2
Another Brick In The Wall Part 3 

Dogs
Pigs (Three Different Ones)
Money
Us And Them
Smell The Roses
Brain Damage

Eclipse

Wait For Her / Oceans Apart / Part of Me Died

Comfortably Numb

GRAZIE ROGER!

#RESIST!

Shine On!

Annunci

101 comments

  1. Io sono davvero deluso da questa scelta, ovviamente pensavo si appoggiasse su basi preregistrate su alcune parti ma con la sua voce live sempre presente , invece si tratta di un playback. Va bene lo spettacolo, ma qua non stiamo andando a vedere Michael Jackson o Madonna, da lui non pretendiamo coreografie o stronzate simili. Sta di fatto è che gli perdoniamo troppe cose , delega altri cantanti per mezzo show , fa finta di suonare il basso e ora pure questo (in realtà lo fa dagli anni ’80). E ha avuto pure la faccia di criticare i suoi ex soci . Sta roba Springsteen o McCarntey non la fanno mica.

    1. ok, Roger fa cosí e sta bene a tanta gente (me compreso), preferisco cosí che non vederlo per niente.
      Non vedo perchè si debba creare questa polemica, se non ti sta bene, il dottore non ordina a nessuno di spendere tanti soldi per andarlo a vedere in concerto.
      Non voglio cavalcare la polemica, quindi niente di personale,
      Ciao ciao

      1. Veramente la polemica la stai a fare tu, ammetto che non avevo idea che cantasse in playback altrimenti avrei evitato. Ringrazio Simone per lo scambio di vedute , e chiudo per evitare che qualcuno se la prenda a male per un semplice commento. Ciao

      1. Io credo che canti in playback per la maggior parte dello spettacolo eccetto forse qualcuno dei nuovi pezzi e i bis … mi chiede perché la passi lascia ..

      2. si anche io penso che per esempio su deja vu sia live. la passa liscia secondo me perché lo spettacolo di Roger è incentrato sullo show, sulle idee politiche, Roger a mio parere non ha una bella voce, anzi… ma purtroppo come lui stesso ha detto con l’andare degli anni ha sentito di cantare lui stesso le proprie canzoni, have a cigar per esempio ora non l’avrebbe mai fatta cantare a roy Harper.. comunque sia il playback è evidente. sicuro che se per esempio una cosa del genere la facesse david Gilmour allora si sarebbe ridicolo, perché a vedere david si va per la sua voce e la sua chitarra..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.