PINK FLOYD RECORDS: NUOVE USCITE ALL’ORIZZONTE?

Ai tempi “pre-internet” si usavano giornali, voci, si andava per “sentito dire”, ora quando c’è di mezzo qualche nuova uscita, nella maggior parte dei casi si conosce il titolo ancor prima dell’annuncio ufficiale, come è successo recentemente con la ristampa di Relics e come accadrà con l’uscita attesissima di “Animals” in Dolby Surround  5.1 non ancora annunciata ufficialmente.

Ora, con la rinascita del vinile, la Pink Floyd Records ha ristampato tutta la discografia ufficiale compresi i live e raccolte. Ma c’è un indizio che ci fa credere ci saranno altre uscite, molte altre. In tutti i vinili recentemente ristampati c’è un codice identificativo per ogni disco: PFRLP xx che sta per Pink Floyd Records L P ed il numero del disco. Ad oggi la situazione è questa:

PFRLP1 Pink Floyd The Piper at the Gates of Dawn
PFRLP2 Pink Floyd A Saucerful of Secrets
PFRLP3 Pink Floyd Soundtrack from the Film “More”
PFRLP4 Pink Floyd Ummagumma
PFRLP5 Pink Floyd Atom Heart Mother
PFRLP6 Pink Floyd Meddle
PFRLP7 Pink Floyd Obscured by Clouds
PFRLP8 Pink Floyd The Dark Side of the Moon
PFRLP9 Pink Floyd Wish You Were Here
PFRLP10 Pink Floyd Animals
PFRLP11 Pink Floyd The Wall
PFRLP12 Pink Floyd The Final Cut
PFRLP13 Pink Floyd A Momentary Lapse of Reason
PFRLP14 Pink Floyd The Division Bell
PFRLP15 (?)
PFRLP16 Pink Floyd Delicate Sound Of Thunder
PFRLP17 Pink Floyd P-U-L-S-E
PFRLP18 Pink Floyd Relics
PFRLP19 Pink Floyd A Collection Of Great Dance Songs

PFRLP20, 21, 22, 23, 24, 25 (?)

PFRLP26 Pink Floyd The Piper at the Gates of Dawn, Mono Mix – Record Store Day 2018

E’ quindi facile pensare che nel corso dei prossimi anni ci saranno altri 7 (!) vinili in uscita. Al momento ci potrebbero essere almeno due uscite “sicure”: una è il box di 4Lp uscito nel 2001 “Echoes – The Best of Pink Floyd” (in Cd: PFR20), l’altra potrebbe essere la compilation “The Best of Pink Floyd: A Foot in the Door” uscita nel 2011. Ma sono solo supposizioni. Se vogliamo fantasticare un pò, si potrebbe pensare anche al mai uscito in vinile “Is there anybody out there?: the Wall Live 1980-1981” edito solo in Cd nel 2000, la recente raccolta “The Early Years 1967-1972 Cre/ation“, il “Live at Pompeii“, il “Live in Venezia“, o addirittura se vogliamo andare nella fantascienza un box con tutte le Bbc Sessions uscite in Cd nel box the Early Years! Altre uscite potrebbero addirittura essere nuovi Mix di dischi già usciti, come è successo recentemente con il “Piper at the Gates of Dawn” in edizione Mono.

Ad ogni modo, sappiamo che qualcosa bolle in pentola, basta solo aspettare…

Shine On!

Annunci

25 comments

  1. Comunque Pulse ha il bordo sagomato come la prima stampa EMI non come in foto pubblicitaria quindi e’ identico all’originale

  2. Ciao anch’io ho preso il
    primo Lp mono ho ordinato Relics
    e Pulse anche se di questo non
    sono convinto .Sono amante dei
    primi Pink Floyd fino al taglio finale
    poi sinceramente il resto nonché lo
    conosco.In conpenso andrò a vendere
    Roger water a Lucca .Grazie Simone
    comunque dei tuoi aggiornamenti
    vi auguro una Buon estate a tutti
    saluti Maurizio

    1. Pulse e’ interamente dal vivo ,non c’è waters ma se ti piace sentire dal vivo lo consiglio cosi potrai sentire anche pezzi di A momentary lapse of reasono 1987 e Division bell 1994

  3. Ma alla fine chi ha preso il “PFRLP26 Pink Floyd The Piper at the Gates of Dawn, Mono Mix – Record Store Day 2018”!?
    Io si!! e ho preordinato anche Pulse e relics…

    sono contento di queste ristampe, spero che non esagereranno, ma per ora, avere tutta la discografia sulla stessa “serie” mi piace…!!

    1. Io li ho presi tutti in quanto collezionista di vinile ma volendo e’ gia’ uscito in versione mono nella confezione a libro del 40 anniversario aggiungo che mi e’ piaciuto molto soprattutto le labels colore oro

  4. Ciao Simone,..veramente era comparso come un fantasma un cofanetto con le prime ristampe in vinile che arrivava sino ad Animals,..poi è sparito, così come era apparso – E parlo del loro sito ufficiale,… misteri delle promozioni commerciali dei PF. .. :_)

    1. In effetti rifare un nuovo the first xi non ha senso ,quando fu pubblicato se non erro fine 78 o inizio 1979 non era ancora stato edito the Wall infatti terminava con Animals e non credo facciano un cofanetto con tutte le uscite fino ad Endless river visto che sono gia usciti singolarmente, Io spero sempre in un the Wall live e un Live at Pompei su vinile mai editi: Chissa’ se in UK ci hanno sentiti .

  5. Mah , di tutta questa roba mi sembra che la cosa più significativa sia la probabile uscita dello spettacolare Animals in dolby sorraund , gli altri album si sentono benissimo anche i cd , lo trovo un sistema per spremere i collezionisti e basta , ma qualcuno dirà : ma il vinile…io sono nato con il vinile ma i cd si sentono benissimo, non mi stresserei più di tanto

    1. ciao Giain! bhe, il catalogo Floyd in vinile credo sia una buona idea, piu che altro per gli affezionati, anche se avrei fatto uscire un box con tutti i vinili a prezzo minore, che purtroppo non hanno fatto. poi è chiaro che bisogna avere un impianti adeguato.. per animals sono davvero curioso della versione Dolby, e spero che la facciano uscire con qualche outtakes, intanto sappiamo che la copertina del bluray contenete il 5.1 sarà differente, sempre la Battersea power station, ma ai giorni d’oggi…. 😉

      1. Innanzitutto Simone , sono alcuni anni che non vado a Londra, ma la Battersea c’è sempre o l’hanno buttata giù ? Cosa c’è ora eventualmente al suo posto ?

      2. Poi volevo dire che a me entusiasmerebbero eventualmente dei restauri dei video dei vecchi concerti più che queste ripetizioni degli audio degli album nei vari formati , la zuppa è sempre quella

      3. ahah su quello concordo in pieno!!! di live audio sounboard ne avrebbero gli archivi pieni….. la Battersea Gian la hanno buttata giu e ricostruita “piu o meno” come era prima ma adesso ci saranno appartamenti di extra lusso, centro commerciale e altro….

      4. Ricordo che qualche anno fa si parlava anche di meddle 5.1 …ma poi non si é visto.Oggi viviamo in un mondo dove conta solo il Dio danaro ,,e se non c’é odor d’affare commerciale purtroppo non si fa nulla, come tutti hanno notato da quando si pubblica su vinile i prezzi dei cd si sono piu’ che dimezzati, come vedete da una parte devono spolparti. Spero che almeno la musica non si faccia inghiottire dall’attuale cultura Narcisistica e di parvenza

  6. Bisogna valutare anche la probabilita’ che possano stampare o previsto di realizzare le stampe EMI harvest dei solisti , tipo music from the body di Waters o Wet dream di Wright oppure i primi Barret Gilmour Mason ….mah vedremo cosa accade forse sotto Natale

  7. Forse quel 15 fa riferimento alla copia di DSOT con i titoli sbagliati, e poi ri-ri-stampata con i titoli giusti ?!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.