DAVID GILMOUR: ALL’ASTA PER BENEFICENZA 120 CHITARRE

David Gilmour ha annunciato tramite il suo sito ufficiale che questa estate, precisamente il 20 Giugno, metterà all’asta 120 chitarre dalla sua collezione personale: la cosa inaspettata e sinceramente “folle” è che si separerà non solo da strumenti “minori”, tenuti magari per strimpellare in casa o usati raramente, ma venderà praticamente tutte le chitarre che hanno fatto la sua storia e quella dei Pink Floyd. Una decisione incomprensibile ai più, chi è musicista potrà capire.. separarsi da uno strumento non è mai bello, ma farlo da quei “pezzi di legno” cresciuti insieme a te deve essere una cosa molto difficile. Escludendo lo faccia per motivi economici, rimane solo il fatto che tutti i soldi raccolti andranno in beneficenza.

Tutti gli strumenti finiranno all’asta presso la Christie’s di New York tra i quali spiccano particolarmente la Stratocaster, databile a circa il 1954 e contrassegnata dal numero di serie #0001, una Gretsch Penguin del 1958, oltre alla Black Strat, che non ha bisogno di presentazioni.. I modelli più pregiati della collezione sono stati valutati, secondo le analisi degli esperti, tra i 100mila e i 150mila dollari, mentre modelli meno prestigiosi – tra gli altri, una Stratocaster rossa dell”84 usata tra gli anni Ottanta e Novanta, una Martin D-35 del ’69 e una Gibson Les Paul del ’59 – potrebbero essere strappati anche con “soli” 30mila dollari.

Nel catalogo (disponibile a questo indirizzo), tuttavia, sono presenti anche articoli la cui basa d’asta è stata fissata a 300 dollari: l’asta si terrà il prossimo 20 giugno presso la sede di Christie’s a New York.

A marzo, partirà un tour delle chitarre: prima tappa a Londra da Christie’s in King Street: dal 27 al 31 marzo sarà esposta la collezione completa, seguita da un’altra mostra a Los Angeles dal 7 all’11 maggio, e poi ci sarà l’anteprima di vendita di New York (prima dell’asta stessa) dal 14 al 19 giugno. Durante le mostre, l’esperienza sonora sarà fornita da Sennheiser.

RollingStone ha fatto una bellissima intervista a David che potete leggere -in Inglese- a questo link.

Qui i momenti salienti:

Molte delle chitarre che verranno vendute hanno contribuito a costruire il mio suono, hanno fatto così tanto per me che credo sia giunto il momento che passino ad altre persone sperando che possano trovarvi gioia. E forse anche creare qualcosa di nuovo”.

Queste chitarre sono state molto buone con me, sono i miei amici. Mi hanno dato un sacco di musica. Penso solo che sia ora che se ne vadano e servano qualcun altro. Ho avuto il mio tempo con loro. E ovviamente i soldi che raccoglieranno faranno un’enorme quantità di bene nel mondo, e questa è la mia intenzione. Credo che probabilmente terrò 20 chitarre. Le chitarre sono speciali in ciò che ti danno, ma non sono eccessivamente sentimentale riguardo alle qualità che alcune persone pensano siano impregnate in uno strumento particolare. Le chitarre su cui suono molto tendono ad essere quelle più vicine.

Al momento non mi ritiro né pianifico particolarmente le cose. Sono sicuro che tornerò a qualcosa di nuovo uno di questi giorni, ma è un grande impegno. Scrivo tutto il tempo, il che significa che mi viene in mente una piccola frase nella mia testa o sulla chitarra o sul pianoforte e li annoto sul mio telefono e li registro tutti in seguito. E poi penso: “Ascolterò quelli un giorno e vedrò se qualcosa mi piace”. È qui che il processo inizierà la prossima volta. Quando avrò abbastanza cose che hanno iniziato a sembrare canzoni, prenderò una decisione su quando o come fare un album. È come spingere una palla di neve giù da una collina: gradualmente acquisisce slancio. Ritirarmi non è una cosa dura e veloce per me nella mia vita. Non devo davvero andare in pensione. Non devo dire quelle parole. Non devo dichiarare che sono andato in pensione o qualcosa del genere. Se vado in pensione, ad un certo punto sarà un processo silenzioso e non percepibile. Ma non sono in quel momento.

Ovviamente sarò triste per aver perso alcuni di questi strumenti, ma sarò anche un po’ sollevato nel perdere il peso di avere tutti questi strumenti e non sapere cosa gli succederà o dove andranno. Voglio che proseguano. Sono stato il loro custode per un certo numero di anni e ora è il turno di qualcun altro di averli e usarli, per creare con loro.”

https://www.christies.com/features/David-Gilmour-legendary-Black-Strat-comes-to-auction-9637-3.aspx

Shine On!

55 comments

      1. Si puo’ sempre comprare online!! solo che quelle che valgono “poco” mi sa che sono pure inutili o brutte!!!

      1. Guarda, io lo ho comprato, e lo metto vicino ai libri della mostra Their Mortal Remain… non nego che se avessi qualche soldo da parte, farei un pensierino a qualche chitarra meno costosa….

  1. RAGAZZI, NON SO COSA ASPETTI NICK AD ANNUNCIARE TUTTE LE DATE MA LUNEDI 11 FEBBRAIO DALLE 10.00 SARANNO DISPONIBILI I BIGLIETTI PER I SUOI “SAUCERFUL OF SECRETS” A RAVENNA!!! APPENA CI SARA L ANNUNCIO UFFICIALE FARO L’ARTICOLO CON TUTTE LE INFO..

    1. Visto! Hanno anticipato la prevendita… certo che se si potesse avere conferma di tutte le date italiane (credo che sia quasi certa Perugia, sempre luglio, nell’ambito di Umbria Jazz), sarebbe più facile organizzarsi.

  2. Decisione quantomeno insolita…magari, in attesa del prossimo album (speriamo), cercava un modo per far parlare di sè….obbiettivo raggiunto!

  3. AVVISO PER TUTTI!!! HO AVUTO NOTIZIE SICURE SUL FATTO CHE SIA IN ARRIVO UN DOPPIO LIVE DEL TOUR DI NICK MASON. SEMBRA CHE SIA BELLISSIMO.
    state ben

    1. I love you Mihalis!!! Spero in ogni caso di riuscire ad andare a vederlo in qqil jr concerto…se si sbrigasse a fare l’annuncio vederei di organizzarmi!!!

  4. io in tutto ciò vedo che forse il nostro David molla la presa e rallenta (non voglio pensare che smetti) la sua carriera musicale.
    Da una parte lo capisco…ha 72 anni ed ha avuto tanto e ormai non hai più niente da chiedere alla vita, sopratutto a quella artistica.
    Ha girato il mondo e fatto una marea di concerti.
    Ha dedicato grande parte della sua vita fra palchi e studi di registrazione.
    Adesso (dato che le chitarre sono sue) può fare come meglio crede.
    Io comunque vada non smetterò mai di ringraziarlo per tutte gli orgasmi musicali che mi ha regalato con i suoi assoli.
    Spero che non si ritiri e che prima o poi possa tornare ad allietarci con la sua musica, fosse solo con 5 chitarre invece che 120.

    1. Mah Gabriele non mi sembra che David negli anni si sia affaticato molto, nel 94 ha chiuso i Pink Floyd, si è risvegliato nel 2006 per On A Island, poi è riandato in letargo fino al 2014 quando è uscito TER dopo un grosso lavoro da parte di Manzanera , poi 2015 con album solista e tour ed ora è ripiombato in letargo

      1. diciamo che dal 1968 al 1981 non ha fatto vita perchè è sempre stato in giro per il mondo o chiuso in sale d’incisione.
        Poi ha fatto da musicista a diversi artisti, l’album solista nel 1985 con tourneè, lo stress del diverbio con Waters per mantenere i Pink Floyd attivi finita in tribunale, l’album del 1987 con mega tourneè infinita fino al 1989.
        infine l’ultimo album con i Pink Floyd nel 1994 con tourneè mondiale e da lì ha giustamente rallentato.
        Adesso se si è rotto un pò e vuole stare accovacciato e vendere quella parte di sè che non vuole più gestire, fa bene a farlo …da una parte, anche se con molto rammarico, lo capisco

  5. Sto ascoltando rattle that Lock e sono fermo sulla mia opinione. È una scelta che non capisco, la ritengo davvero assurda e trovo ancora più assurda il fatto che un musicista di questo livello non dia un importanza massimale ai propri strumenti, ma poi siamo al fuori brocca, ma che cazzo vuole dire semmai esco e ne compro qualcuna, quando cazzo ne stai vendendo 120.mah? Non capisco!!

  6. E’ comunque la Black Strat e’ stat diverso tempo scatafasciata all’ hard rock cafe,oltretutto la chitarra era a portata di mano dei clienti pare,per me non gli e’ ne mai fregato un granche della BS..

Rispondi a Piero Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.