DAVID GILMOUR RACCONTA “A MOMENTARY LAPSE OF REASON” – ANTEPRIMA DI “SORROW” DAL NUOVO MIX 2019

Continuano i video anteprima del box “Pink Floyd – The Later Years 1987-2019“, questa volta parla David Gilmour e ci racconta di come iniziò il “nuovo corso” dei Pink Floyd dopo l’uscita di Roger Waters e la nascita di “A Momentary Lapse Of Reason”.

Sapevamo che Roger se ne stava per andare. Era infelice. E anche noi lo eravamo. Io volevo continuare, Nick era propenso. In estate incontrai Rick in vacanza in Grecia, e gli chiesi di rientrare. Era favorevole. Ci trovammo sull’Astoria nell’86. Coinvolsi Bob Ezrin che aveva fatto il Walworth nel ’79 e aveva lavorato ad alcune supervisioni con me. Avevo imparato molto da Bob; è molto valido. Lavorammo sui miei brani. A Natale avevano preso forma, progredivano. Un sera ebbi l’ispirazione, nacque Sorrow. Ne scrissi 5 versi di getto, dal nulla. Scrissi prima le parole, poi feci una demo sull’Astoria. Fu un punto di non ritorno: eravamo sulla strada giusta, funzionava! La casa discografica voleva un buon album. Certo: le cose erano diverse senza Roger, ma ci sentivamo sollevati dalle tensioni degli ultimi 2 album, The Final Cut su tutti. Eravamo di nuovo noi, a comporre e produrre materiale insieme. C’era un senso di libertà e ottimismo nonostante la rottura di palle della causa giudiziaria in corso. Poi ci spostammo a Los Angeles in magnifici studios, con ottimi musicisti. Mentre qui era giorno, in Inghilterra era notte, e gli uffici legali erano chiusi: che sollievo! A L.A. eravamo irraggiungibili, liberi: questo aiutava il flusso positivo delle cose. Anthony Moore, mio amico paroliere, scrisse ottime liriche per l’album, tra cui ‘Learning To Fly’ e ‘On The Turning Away’. Con questa ossatura, completammo le canzoni. Nei primi anni ’80, c’erano tante nuove tecnologie: sintetizzatori ed altro, che utilizzammo pesantemente. Ripensandoci, ad album finito, il dubbio fu che non sembrasse ‘senza tempo’, essendo stato privato degli strumenti tradizionali come l’organo o il piano. In quest’ottica, ho voluto remixare il disco e lavorarci di nuovo. Abbiamo anche ritrovato parti di Rick all’Hammond mai utilizzate; ne è scaturita un’altra atmosfera, un nuovo feeling. Adesso ha un tocco più raffinato, ‘senza tempo’, meno legato all’epoca.

Traduzione a cura di Cymbaline – Pink Floyd Magazine


Qui invece possiamo ascoltare “Sorrow” dal nuovo mix 2019:


Pubblicata anche un’altra anteprima da “Delicate Sound Of Thunder“:

Shine On!

49 comments

  1. Ahahahahah mi fate troppo ridere…
    che poi vedete, alla fine sti 5 stronzi di Londra e Cambridge, alla fine ci mettono sempre tutti d’accordo!!!

  2. Saluti a tutti da Zena. Confermo la grande competenza in materia ogni volta che leggo un intervento sia di anonimo, che di tuttonero. Davvero due competenti in materia!!! Volevo dire oggi in un pomeriggio piovoso ho rivisto confortably numb e shine shine on you crazy diamond live del live At royal di Albert hall. Assolutamente irripetibile. A mio gusto la versione di shine on you crazy diamond con crosby e nash, dove con la chitarra si fa sia i bassi, che gli acuti con la stessa naturalezza con cui uno che ha fame attacca un tramezzino mi lascia senza parole e allo stesso tempo mi fa capire che neanche in 10 vite mi avvicinerò chitarristicamente a questo omone che mi ha sempre provocato brividi incredibili ogni volta che lo sento suonare. Cmq su shine on you è un ovviamente una mia amica opinione personale e come tale opinabile. W il pesto, le donne lasagne e il vino 🍷 buono.

  3. credo di farvi un regalo di natale anticipato…. (sorry Tuttonero se mi sono dimenticato di citarti)

    e allora mi chiedo perchè non tutto il resto?

    1. Non c’e’ alcun problema, tutti noi che facciamo parte di questo blog si sa che abbiamo un grande amore per la musica di quallsiasi genere e siamo innamorati dei Pink Floyd, e sappi che come per mihalis 66 anche per te ho sempre avuto grande stima viste le tue competenze,le tue recensioni le ho sempre lette attentamente,hai solo un carattere diverso ,senza peli sulla lingua ,diretto e spontaneo, e dici sempre cio che pensi anche con qualche velo di umorismo che non guasta mai, e ripeto ,ognuno di noi ha un suo modo di porsi e con idee diverse, e tutto cio’ non fa altro che arricchire le competenze di tutti, perché bisogna essere, indipendentemente dalle nostre convinzioni, di ampie vedute.

      1. Si, hai ragione! sò focoso, come ho già detto come quando succede nelle partite a calcetto il venerdì sera o il sabato. con Mihalis è avvenuto il tipico scontro sulla tibia ed il perone e puoi immaginare in campo quante se ne dicono…. ma poi finisce tutto a fine partita.
        Forse tra le righe, di quello che scrissi, il conterraneo del Faber credeva che fosse lui stesso iol destinatario dei miei messaggi “subliminali”… ma in realtà mi riferivo ad altri soggetti e non lui.
        La passione fa brutti scherzi, preferisco sempre e comunque chi parla in faccia e schietto come Mihalis, Giain, Fabio (“a Fà se me dài ‘nàrtra vorta der pariolino te querelo”…. eh eh eh!), Luca o Gabriele (scusate chi dimentico). E ci mancherebbe poi se la pensassimo tutti allo stesso modo…. Sai che palle!
        Buona Domenica a tutti

  4. Mai sentito sorrow cosi, pulito e cristallino , non vedo l’ora di sentire the sign of life , eh si la tecnologia fa proprio tanto

  5. Voglio fare una serie di domande (non rivolte, ovviamente, a Simone, Giain, Mihalis, Fabio, Piero, Massimo, Luca e Gabriele), volutamente, “retoriche”:
    perchè questo video esce “soltanto” oggi?
    chi è Tony Visconti?
    chissà cosa avranno mai usato per ottenere questa meraviglia?
    cosa ne penserà Alan Parsons in proposito…?

    chi vuole fare altre domande “retoriche”…. è il benvenuto

      1. Tony Visconti e’ una vecchia volpe statunitense degli anni sessanta forse il miglior produttore discografico dell’epoca per il resto .credo che remixare cose anni 70 con nuove tecnologie , e’ l’unico modo per vendere ancora buona musica,oggi purtroppo non c’e piu’ nessuno che abbia inventiva e amore per la musica ,come ogni cosa e’ tutto un fatto commerciale che dura ben poco, altrimenti non saremo qui a discuterne

      2. Comunque sia, a mio parere come e’ stato mixato all’epoca the dark side da Alan Parsons credo sia inimitabile ,e che come tecnico del suono sicuramente apprezzera’ ogni nuovo remix fatto con grande competenza artistica

  6. Simò a parte Meddle il cui remix 5.1 non mi entusiasma affatto e i futuri nuovi remix degli album storici io come già scritto, ho due sogni: 1) le parti isolate di tutti i brani, almeno quelli fondamentali e 2) il Live al Coliseum del 18 Agosto 1988 ex novo, perchè mai pubblicato dove c’è il solo di Comfortably Numb suonato in “quel” modo (non tagliato), di una band completamente rifiorita, mai sentita prima in quello stato di grazia. Ecco, quel live sarebbe davvero un sogno. A @Fabio dico di “non prendere d’aceto pure tu”, #chettefrega.
    “Méttete le cuffie e godi”, sticazzismo unica solution……

    1. purtroppo le parti isolate non credo vedranno mai la luce, c’è un video della BBC su youtube “Pink Floyd multitrack breakdown” dove si possono sentire alcuni spezzoni, ma per avere le parti isolate di tutti i dischi bisogna fare irruzione alla Emi 😉 p.s. a proposito di tracce isolate, su youtube avevo ascoltato bohémien rapsody di freddie, solo la voce. pauroso.

      1. credo che sia un’affiliata, “sospettosamente” troppo perfetta come voce isolata
        sempre qui trovi di meglio come Bohemian o altre “cosucce spaventose”
        lo dovrebbero fare anche i “nostri”, se non lo faranno mai sono proprio dei babbei……..

      1. Giusto, il 23 Agosto bravo Gabriele. Scusate per l’errore e prendo la palla al balzo nel chiedere ufficialmente a David, Nick ed eredi Wright di prendere le registrazioni, i masters, di quel concerto, riversarlo in digitale e farne una costola (o qualcosa di più) di “Delicate”. Senza tagli sugli assoli, lasciate tutto così (per scrivere al volo e velocemente le date sono i primi errori così invio il video)!!! Se, nel caso, nelle date precedenti o successive quel tour ravvisate delle performance migliori di questa fatecelo sapere almeno un pò prima….
        Non pubblicate registrazioni in hd post mortem, celebrativi, fatelo tra qualche anno e non aspettate altri decenni… Come vedete non ci basta mai e siamo “assetati di sangue”….
        Sempre! Grazie

  7. cristo, sono tre ore che sono in cuffia, in loop autistico ad ascoltare il remix di Sorrow…

    non credevo davvero che mancasse così poco alla perfezione di un brano, e che ciò fosse patrimonio pure dei nuovi floyd…

  8. Non vi va mai bene niente!!!
    A volte sapete cosa penso?
    Prima di dare un giudizio, fate un esperimento mentale.
    Immaginate i Pink Floyd che chiudono bottega nel 1985, nel momento esatto della dipartita di Waters.
    Cosa avremmo oggi? Certo, la ciccia vera è negli anni ’70 direte voi.
    Mancherebbero però 3 album in studio, 2 tour mondiali (che hanno dato la possibilità a molti di noi di vederli dal vivo), un concerto a Venezia che è nella legenda, più una marea di materiale inedito, di bootleg, di chicche varie.
    Siete sicuri sicuri, sarebbe la stessa cosa?!
    Non credo proprio.
    P.S.
    A proposito di materiale inedito, ma di High Hopes Hearly Version ne vogliamo parlare?!
    Per me solo questa, vale tutta l’uscita del cofanettone!!!

    1. Ti capisco, ma sono gusti, a per piace moltissimo questo remake del materiale di AMLOS, Sorrow è spettacolare, ma non mi convince per esempio “High Hopes”, la vedo “troppo smussata”, non so spiegare. fine.

    2. Ciao ragazzi un saluto cordiale a tutti da Zena. Visto che Anomino mi ha citato in modo cortese, volevo in modo altrettanto chiaro e cortese chiarire definitivamente l’equivoco nato, al di là del fatto che ognuno può pensarla come vuole, ci mancherebbe, volevo chiarire che io non sono assolutamente contro Gilmour, anzi essendo chitarrista di non c’è un giorno che non prendo la sei corde in mano e cerco di gilmourizzarmi un pochino, detto questo sono rimasto favorevolmente impressionato della tua competenza sia per quanto riguarda il discorso di registrazioni e tecnologie varie e per la competenza musicale. Io ho studiato musica all’accademia musicale di Genova x 6 anni e non ho conseguito il diploma, ma dopo ho continuato a studiare e ho approfondito lo studio della musicologia, materia che mi affascina da sempre. Amando la musica in toto dei tre grandi generi (classica, jazz, rock) a mio modesto parere i nostri amati pink floyd, i beatles, e jimi hendrix rappresentano nel rock ciò che nella musica “colta” rappresentano bach(come si fa ad non amare i concerti brandeburghesi) le variazioni per pianoforte, i concerti x solo cello, e come Miles Davis e John Coltrane nel jazz. I nostri Pink Floyd hanno sempre avuto una concezione musicale evoluta a livello celebrale e avrebbero potuto conporre insieme a loro Stravisky o Stockhausen (entrambi molto amati da Rick Wright) speriamo che come dici in futuro usciranno gemme del passato remixare e intanto godiamoci queste nuove uscite. Un saluto da Zena. W LE LASAGNE AL PESTO.

      1. allora risolviamo l’equivoco così…. (a proposito di “jazz”)

        quest’ultimpo video sta asumendo la forma di una “epidemia”……..

      2. Le tue competenze in materia sono sempre state molto evidenti come pure quelle di anonimo ,tra le righe evince la vostra competenza ,io sono solo un buon ascoltatore con quelle poche competenze che ho acquisito negli anni, ritornando al discorso dell’hammond di rick ,mi rendo conto sempre di piu’ che la sua assenza sara’ sempre incolmabile, soprattutto perché ogni musicista ha il suo stile che e’ inimitabile ,e che quando guardo e riguardo l’ultima apparizione insieme al live 8 , mi commuovo sempre e penso chissa’ quanti bei lavori avrebbero potuto regalarci ancora. anche se dovessero fare una reunion ,senza rick sicuramente manchera’ una parte essenziale che non potra’ essere sostituita da nessuno

    1. Grande Anonimo , sentita , bellissima , te che sei un grande esperto di musica fai un commento sulle differenze rispetto all’originale

      1. Avete sentito tra 01:41 e 01:46? Per me basterebbe solo questo “particolare” (corde, ponte e molle) per godere e chiuderla qui…. Il remaster ed il remix attuali non sono paragonabili ai precedenti di quasi vent’anni fa. C’è un’attività di “restoration” combinata con il banco (di quale marca? quante valvole avrà?…) per la remasterizzazione che ultimamente non ha eguali (chi ha sentito i Beatles da Sgt, Pepper’s ad Abbe Road Deluxe Editions capirà). Suoni roventi e cristallini dove è richiesto, apertura “a ventaglio” del piano sonoro più aperta.
        C’è lo zampino di Andy Jackson, mi ci gioco le….
        Io aspetto con ansia tutto “Delicate….” perchè lì c’è un’esecuzione più selvaggia di “Sorrow”, più animalesca di David, qui ancora si contiene (troppo “ingessato” per i miei gusti. Un altro particolare è l’hammond (a destra delle vostre cuffie), rovente anch’esso, già presente nella tanto bistrattata “One lips” e mai sentito prima.
        La batteria si sente che è risuonata da Nick, mancano alcuni insert di quella elettronica in entrambi i brani, meglio così è molto più 70’s.
        Tranquillizzo Simone riguardo ad Animals. Il remaster 2020 futuro l’avranno sicuramente fatto con Logic Pro X (oppure anche Wavelab), comunque in entrambi i casi avranno eliminato le microimperfezioni derivanti dalle sessions del Britannia e conferito quella profondità e quel “calore sonoro” che stiamo ascoltando nelle ultime uscite.
        Comunque sia sono diamanti straordinari quelli che stanno arrivando ma c’è una controindicazione “pericolosa”: creano dipendenza, quella sana, non tossica.

        [P.s.: io sono da sempre a-social, odio qualsiasi forma di social media (facebook, instagram e twitter) e non sopporto gli haters, sono il primo. Se ho uno “scazzo” con Mihalis66 (tipo quelli che nascono durante le partitelle del venerdì sera a calcetto, che nascono e finiscono lì) non è che qualcun altro poi deve magari intromettersi e farmi la morale, la legge la conosco molto bene…. E poi non potrei mai essere un “nemico” di Mihalis perchè amo la terra dove vive per 3 motivi: 1) Il Maestro, Il Faber (per chi ancora non lo sa Fabrizio De Andrè 2) il Pesto, che preferisco fare sempre nella ricetta originale e odio quello indistriale 2) Il “Gran Ristoro”, con gli amici nei decenni precedenti il sabato mattina partivamo da Roma per goderci i panini magnifici della storica panineria. Paragonabili ai remaster che stanno arrivando, non avete idea. Ma poi non ci recavamo lì solo per quelli… ma è un’altra storia….. ah ah ah ah]

        Dimenticavo: oltre Animals mancano sempre all’appello i Remaster di Atom Heart Mother, Meddle e A Saucerful of Secrets. Quei remaster sono vecchi ormai e nel cofanettone precedente hanno remixato solo “Obscures…”. Ci saranno altre sorprese, anche perchè vorrei sempre sentire in Takes di Atom o le sessions in studio di One of these days (mica vorrete che ci accontentiamo dei live e bsta, no?)
        Bye

      2. concordo su tutto!
        p.s. il remaster di Meddle: io non sono riuscito ad ascoltarlo ma nel bluray della prima cofana c’è “nascosto” nei file, il mix in 5.1, non so se era stato solo mixato così oppure proprio restaurato del tutto, anzi, ancora non capisco perche non lo abbiano reso disponibile ufficialmente..

  9. Ciao a tutti,condivido in pieno il giudizio di Giain su A Momentary Lapse,e soprattutto su Sorrow. Forse perché è il brano che mi ha fatto avvicinare ai Floyd per la prima volta. Forse perché ,non padroneggiando la lingua inglese mi faccio travolgere più facilmente dall’aspetto musicale delle canzoni. In ogni caso per me Sorrow ha veramente qualcosa in più,come una pietra preziosa incastonata in un gioiello…
    Non vedo l’ora di ascoltare questa nuova versione.
    Grazie a tutti

    1. Mamma mia, non vedo l’ora di ascoltare Sorrow. A Momentary per me è un grandissimo album, lo adoro, al netto naturalmente di A New Machine e Dogs Of War. A voi so che non piace granché, però ci sono Sorrow, Yet Another Movie ed On The Turning Away, ma anche Terminal Frost e Sign Of Iife che per me sono bellissime. Sorrow, anche per l’assolo, la considero una seconda Confortably Numb , è un pezzo stratosfericooooo😁

      1. E’ tutto calcolato… 🙂 Comunque credo che con quest’operazione voglia come togliersi dei sassolini dalle scarpe, o un peso dalla coscienza, quello che volete voi,..credo sia stato un quasi pentimento del lavoro fatto ed ora vuole restituirlo come se suonasse un vero loro disco degli anni 70. Come un genitore che non abbia parlato con i propri figli nell’infanzia e voglia rimediare quando ormai son grandi e vaccinati,..ma non recupererà mai quel magico dialogo. Nell’intervista parla di grande entusiasmo e liberazione dalle grinfie di Waters, finalmente possono comporre e suonare come vogliono, non lo dice apertamente ma lo fa capire, ecco forse si son fatti prendere da troppo entusiasmo, doveva essere più “fedele” al sound e marchio P.F., magari al momento non avrebbe avuto il successo stratosferico che ha avuto,..ma alla lunga ne avrebbe sicuramente guadagnato in stima dei critici e dei fanssss . Ma credo, infatti, sia arrivato un pò fuori tempo,.. non puoi presentarti dopo 30 anni e dire,..ecco io in realtà lo volevo fare così.. !!! E ci hai fatto sentì na mezza ciofeca per 30 anni ???

      2. In effetti come la presentano è un po “paraculo” 😄 e sono d’accordo, poi diciamocelo, con questa scusa la stanno presentando facendo “la cresta alla creatività” ma noi qui in questo blog siamo “drogati” ed abbiamo una dipendenza quindi possono fare quello che vogliono ed aspettiamo, ok, capite quello che intendo. Credo che il disco abbia, come ho detto più volte, “troppe cose” come se appunto con la scusa di nuove tecnologie abbiano provato ed abusato ma a me non è mai dispiaciuto come album, ha quella sua dimensione anni 80 e fine, forse forzatamente ma è diverso ma concreto. Sono però appunto curiosissimp di questa reinterpretazione (ed a volte reinterpretare può causare anche un difetto…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.