Autore: Simone Signoretti

Moto, Musica, Nascar, Arte, Derapate,Camion, Macchine, Armi, Chitarre, Pista, Cross, Bici, Computer, Birra, Whisky, Rock, Pink Floyd, Mini moto, Go kart, Pizza, Horror, Cioccolato, Piada, Azione, Videogiochi, Computer, Sonno, Scatti d'ira, Robe da gara.... e tutto ciò ke gli altri non fanno.

ROGER WATERS: US + THEM – IL FILM AL CINEMA IN ITALIA AD OTTOBRE

Roger Waters, co-fondatore, forza creativa e autore delle canzoni dei Pink Floyd, presenta il suo attesissimo film, Us + Them, caratterizzato da una produzione visiva all’avanguardia e da un sound mozzafiato in questo imperdibile evento cinematografico.

Girato ad Amsterdam nella tappa europea del suo tour, il film sarà l’occasione per tutti i fan dell’artista per rivivere in 4K e Dolby Atmos la potenza di quell’eccezionale live, riascoltando canzoni dei suoi leggendari album dei Pink Floyd (the Dark Side of the Moon, The Wall, Animals, Wish You Were Here) e dal suo ultimo album, “Is This The Life We Wantly Want?”.

Waters collabora ancora una volta con Sean Evans, visionario regista del acclamato “Roger Waters The Wall”, per offrire questo film creativo e pionieristico che ispira con la sua musica potente e il messaggio di diritti umani, libertà e amore.

IL FILM ARRIVERA’ NELLA SALE ITALIANE SOLO IL 7, 8 e 9 OTTOBRE 2019

BIGLIETTI IN VENDITA DAL 17 LUGLIO

Tutte le info e le sale a breve su www.nexodigital.it


www.rogerwatersusandthem.com

Shine On!

NICK MASON’S SAUCERFUL OF SECRETS – TOUR ITALIANO

Nick Mason e i suoi Saucerful Of Secret’s sono tornati in Italia con ben 6 date: il batterista dei Pink Floyd non ha mai nascosto la sua voglia di continuare a suonare, e ormai, perse le speranze di riconciliazione tra David Gilmour e Roger Waters, ha deciso di fare da se, suonando le canzoni a lui più congeniali, quelle del periodo storico ’67 – ’72. Se partecipate, lasciate nei commenti le vostre opinioni e pensieri!

8 Luglio – Chieti – Arena la Civitella

12 Luglio – Teatro Antico di Taormina

14 Luglio – Ravenna – Palazzo Mauro de Andrè

16 Luglio – Roma – Auditorium Parco della Musica

17 Luglio – Perugia – Umbria Jazz Festival Arena Santa Giuliana

18 Luglio – Brescia – Piazza della Loggia

Scaletta:

Interstellar Overdrive, Astronomy Domine, Lucifer Sam, Fearless, Obscured By Clouds, When You’re In, Remember A Day, Arnold Layne, Vegetable Man, If/Atom Heart Mother/If Reprise, The Nile Song, Green Is The Colour, Let There Be More Light, Childhood’s End, Set The Controls For The Heart Of The Sun, See Emily Play, Bike, One Of These Days.

ENCORE: A Saucerful Of Secrets, Point Me At The Sky.


ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO


CHIETI

TAORMINA

Shine On!

DAVID GILMOUR: L’ASTA DEI RECORD

Si è conclusa l’asta delle 127 chitarre (incluso qualche amplificatore) di David Gilmour, un momento storico nella vita del chitarrista, che ha deciso di sbarazzarsi di quasi tutte le sue chitarre, per beneficienza.

Dopo aver chiarito, nei mesi scorsi, che la vendita delle chitarre non significa che non suonerà più, Gilmour ha annunciato la destinazione dei proventi dell’asta: Sono lieto di annunciare che tutti i proventi della vendita di #GilmourGuitars a @ChristiesInc a New York saranno devoluti in beneficenza a ClientEarth. La crisi climatica globale è la più grande sfida che l’umanità dovrà affrontare e tra pochi anni gli effetti del riscaldamento globale saranno irreversibili. Come ha detto Greta Thunberg, sedicenne attivista svedese per il clima in un discorso all’inizio di quest’anno, “O scegliamo di andare avanti come civiltà o non lo facciamo”. La scelta è davvero molto semplice e spero che la vendita di queste chitarre aiuterà ClientEarth nella loro causa per il ricorso alla legge per apportare un cambiamento reale. Abbiamo bisogno di un mondo civilizzato che vada avanti per tutti i nostri nipoti e oltre, in cui queste chitarre possano essere suonate e le canzoni possano essere cantate

L’asta, descritta come la più preziosa collezione di strumenti musicali mai venduti, ha attirato le offerte astronomiche di 2.000 offerenti provenienti da 66 paesi, diventando un evento: il sito internet della casa d’aste Christie’s è stato preso d’assalto da migliaia di fan, che lo hanno mandato in “crash” e non è stato possibile neppure seguire l’asta in diretta, incredibile. Le stime ufficiali dei lotti, inclusi nel catalogo ufficiale dell’asta, mi sembravano troppo “basse”, ed in effetti come mi aspettavo, le cifre sono schizzate alle stelle fin da subito:

Uno dei primi lotti era la Martin D35 usata da Gilmour per Wish You Were Here, che è stata venduta per 1.095.000 dollari ed è risultata la chitarra acustica più preziosa mai venduta da Christie’s, prezzo record che supera quello pagato nel 2004 per una Martin di Eric Clapton, 791.500 dollari. In termini di chitarre elettriche, la Fender Stratocaster bianca con numero seriale #0001 è stata venduta per $1,815,000 dopo una guerra di quattro minuti di offerte. La Gibson Les Paul Goldtop del 1955, famosa per l’assolo di Another Brick in the Wall pt.2 invece, è stata venduta per $447.000, stabilendo un nuovo record mondiale d’asta per una Les Paul. L’incredibilmente rara Gretsch White Penguin del 1958 è stata venduta per $447.000. L’asta è continuata con la cosiddetta “Red Strat“, la rossa, la chitarra che David dal 1985 (prima apparizione al live Aid) ha usato principalmente per i tour dei Pink Floyd e usata su “Shine On..” nel suo On An Island Tour, venduta per $ 615.000. La Jedson Steel guitar del 1974 è andata a $300,000 mentre la Ovation Custom Legend del 1976, usata per scrivere e registrare Comfortably Numb è stata battuta per $399,000. La Gibson J-200 Celebrity, famosa per essere stata usata -tra le altre occasioni- nel Live 8 è stata battuta per $243,750. La leggendaria Black Strat invece… ha raggiunto la cifra record di $3,975,000 diventando la chitarra più costosa mai venduta ad un’asta.

Un totale di 127 lotti tra chitarre, bassi, amplificatori ed accessori, venduti per la cifra (totale) record di $ 21.490.750

David Gilmour:

Wow! Incredibile! So benissimo quanto brillantemente l’asta dell’ultima notte delle mie chitarre sia andata da Christie’s a New York.
Il lavoro di MoneyEarth contro la crisi climatica è vitale. Visita il sito Web di ClientEarth e capirai perché ci credo. http://www.clientearth.org
E molte, molte grazie a tutti coloro che hanno acquistato una chitarra, che hanno fatto un’offerta, hanno visitato la mostra o addirittura hanno acquistato un programma. E grazie al mio tecnico a lungo termine, Phil Taylor, che ha curato queste chitarre così bene per così tanti anni“.

A questo link potrete vedere tutti i prezzi a cui sono state vendute le chitarre.

James Thornton, CEO di ClientEarth, ha dichiarato: “Questo è un dono veramente umiliante e straordinario, che va oltre le nostre più rosee aspettative: è difficile esprimere quanto profondamente siamo grati a David per aver scelto ClientEarth come beneficiario di questa storica asta. Questo dono è una spinta fenomenale al nostro lavoro che usa la legge per affrontare il cambiamento climatico e proteggere la natura e ci consentirà di svolgere un ruolo ancora maggiore nell’affrontare la crisi climatica e assicurare un pianeta sano per le generazioni future”.

A questo link, il servizio della Rai al Tg1.

Shine On!

DAVID GILMOUR RISPONDE AI FAN SULLE SUE CHITARRE

Qualche giorno fa la pagina Facebook di David Gilmour aveva proposto ai suoi fan di fare delle domande a David inerenti alla prossima asta delle sue chitarre, ora sono state pubblicate con la risposta di David.

Qui sotto l’intero post.

I nostri ringraziamenti a tutti coloro che hanno inviato domande sui social media per David sull’imminente asta di beneficenza #GilmourGuitars con Christie’s il 20 giugno.

Qual’è la chitarra meno costosa che hai suonato sul palco con i Pink Floyd?
@LinBrehmer
A occhio e croce, direi che è stata una delle due chitarre in acciaio Jedson che ho comprato per uso live nei primi anni ’70. Le abbiamo modificate un po ‘con i pickup Fender.
Caro David, c’è una chitarra che hai deciso di tenere per qualche motivo speciale e, se c’è, vorresti essere gentile di dircelo …? Grazie.
@ kalimerus1
Non preoccuparti troppo. Ho ancora alcune chitarre deliziose che non ho potuto lasciare andare. Una Martin D18 del 1945, la mia Fender Esquire soprannominata The Workmate e una Black Gretsch Duo-Jet per nominarne solo tre.
Ignorando il musicista, quale aspetto del suono della chitarra elettrica trovi singolarmente più importante: 1. la chitarra (legno di qualità, corde, pickup, action, intonazione, ecc.), 2. l’amplificatore, 3. i pedali, 4 lo studio o il tecnico del mixer?
@LAbladerunner
Non posso ignorare le dita. Ecco dov’è.
Non sei preoccupato che queste chitarre non verranno mai più suonate e [staranno] riposando al sicuro da qualche collezionista?
@ stagge971
No.
Quale chitarra suoni di più a casa?
@ SpaceOddity1701
Cambia. Al momento è una bella chitarra classica Cordoba.
Quanto pensi che la tua carriera nei Pink Floyd sarebbe cambiata se avessi scelto una Gibson Les Paul come la tua chitarra principale al posto della Fender Stratocaster?
@deltalbert
Non avrei…
Come hai imparato a suonare la chitarra in acciaio da lapsteel? È simile a suonare la chitarra?
@edward_brackley
Per prima cosa devi trovare uno o più tuning adatti a te. Io uso un tuning G6 aperto per la versatilità delle corde. Hai un accordo minore con le prime tre corde e un accordo maggiore con le cinque corde inferiori. Uso anche un accordo di Em aperto per gli assoli su One Of These Days e High Hopes, ecc., A causa della sua somiglianza con una normale accordatura della chitarra.
Dopo questo è solo pratica. Ottenere la tua intonazione perfetta può essere una cosa debolmente lenta, ma credimi, un giorno sarà improvvisamente lì.
Hai aiutato nel processo di impostazione delle stime [per l’asta]?
@jezebelly
No.
Cosa mi dici della Esquire Workmate che ti ha portato a tenerla, oltre la 0001 e la Black Strat? So che deve essere molto speciale se lasci che le altre due se ne vadano tenendo quella.. Ho intenzione di costruire la mia Workmate basata sulla tua 🙂
@paultguitarist
Sono solo troppo affezionato alla Workmate.
Assolutamente amorevole leggere di tutte queste fantastiche chitarre! Che grande souvenir è questo per qualsiasi fan di DG! La mia domanda è se si registra un altro album, andrai con la chitarra “nuova” con pickup vintage o torneresti ad un setup con EMG?
@jeffsoble
Userò, tra le altre chitarre, una delle belle repliche della Black Strat, dovrei immaginare – a meno che non decida di cambiare colore dopo tutti questi anni.
David. Hai mai realizzato/costruito la tua chitarra da zero? Se è così, ce l’hai ancora?
@LPoeppelmeier
No.
Hai bandito @PollySamson dalla offerta per una qualsiasi asta #Gilmour Guitars?
@ Ken_F55
No. Consigliato ma non vietato.
Come hai preso la tracolla Hendrix?
@cdoarm
Era un regalo della mia splendida moglie, Polly.
Questo perché David pensa di ritirarsi completamente? grazie;) ✌️
@ LluisGarcia3D
No, no. Non significa pensionamento.
Caro David, come ha reagito il tuo fedele tecnico di chitarra Phil Taylor quando gli hai detto che vendevi tutte le chitarre che aveva guardato per decenni, inclusa l’iconica Black Strat di cui ha scritto un libro?
@petergnz
Non penso che fosse troppo contento. Dovresti chiederlo a lui.
David, cosa ti ha fatto allontanare dalle chitarre Steinberger a metà degli anni ’80
@marcthemusician
Il momento di Steinberger è stato divertente. Tutte le parti di chitarra su Sorrow sono state fatte sullo Steinberger, ma qualcosa mi ha reindirizzato alle mie Fender.
Ci sono molti grandi chitarristi britannici nella tua generazione, si può mettere un dito sulla loro ispirazione (chi viene da Freddie King, chi da Chuck Berry, chi da Elmore James, etc) – tutti tranne te. Chi ti ha ispirato e come sei riuscito a crescere fuori dalla loro ombra per sembrare così originale?
@VijaySJodha
Così tanti musicisti mi hanno ispirato. Ho imparato da Pete Seeger, Hank Marvin, Lead Belly, Joni Mitchell, John Fahey, Roy Buchanon, Jeff ed Eric e dozzine di altri.
Ho copiato – non aver paura di copiare – e alla fine qualcosa che suppongo che chiamerei il mio è apparso.
Significa che hai smesso di esibirti dal vivo?
@makin_david
Io non la penso così.
Perché il sitar (lotto 4) è stato rimosso dalla vendita?
@jezebelly
Alcune parti di quel Sitar sono fatte di avorio e non è più permesso importare l’avorio negli Stati Uniti, quindi è stato necessario ritirarlo dalla vendita.
Hai conservato chitarre sufficienti per realizzare un altro album e fare spettacoli dal vivo? Avete dei piani del genere?
@ianswest
Sì e sì.

È un gesto straordinario per te dare via le tue chitarre in questo modo. Molti di noi (incluso me stesso) considerano queste chitarre strumenti musicali iconici e storicamente importanti. Li vedi così o, per dirla in modo piuttosto rozzo, li vedi come semplici strumenti del tuo mestiere?
@David Calvert David.
Sono gli strumenti del mio mestiere. Certo che è triste ma ho ancora degli strumenti deliziosi.
Ciao David. Sei il mio vero eroe. Potrei per favore avere la Black Strat?
@Marcus L Adamson
Certo che puoi Marcus! Basta recarsi da Christie’s a New York il 20 giugno.
Ciao, signor Gilmour. Non ho notato una chitarra Mosrite nella lista dell’asta. Forse l’ho persa. Ma se no, allora cosa è successo a quello usato su DSotM, che ho visto suonare nel film di Pompei? Curiosamente, Jon Williamson
Forse la mia memoria mi sta venendo meno, ma non ricordo di aver mai avuto una chitarra Mosrite. Ne ho davvero usato uno su DSOM o a Pompei?
David Gilmour. È stata una decisione spontanea vendere le tue chitarre o ci hai pensato per un lungo periodo e hai preparato questo momento?
@Sebastien Demarthe
È passato molto tempo. Ho iniziato il processo almeno due volte prima e lo ho fatto.

Shine On!

DAVID GILMOUR: 3 PODCAST SULLE SUE CHITARRE ALL’ASTA

David Gilmour, in occasione dell’asta di 120 delle sue chitarre, ha annunciato di aver realizzato tre puntate in formato podcast per mezzo delle quali racconterà la storia delle chitarre utilizzate nel corso della sua carriera.

Ecco alcuni estratti dalla prima puntata, la seconda uscirà il 7 Giugno, la terza il 14 Giugno.

Sì, sono stato anche io in parte una di quelle persone che entrano nei negozi a guardare i vari strumenti senza comprarne nessuno a Cambridge, quando ero un adolescente e non potevo in alcun modo acquistare una Fender, c’era un negozio di musica chiamato Ken Stevens e io ero solito trascorrere molto tempo lì dentro. Era un negozio molto piccolo, era grande solo la metà di un normale negozio e per anni lì dentro è stata appesa una Stratocaster. Noi ragazzi a volte abbiamo cercato di convincere il commesso del negozio a farcela suonare o almeno toccare. Non ho mai potuto permettermela”.

Qualche anno dopo, invece, nel 1970 per l’esattezza, David è riuscito a realizzare il suo sogno comprando la leggendaria Fender Black Strat nel famoso negozio di strumenti musicali di New York, Manny’s Music: “Questo negozio è davvero fantastico, il proprietario si chiamava Henry (Goldrich). Era davvero una brava persona, gentile e amichevole, spesso ci radunavamo nel retrobottega a scovare chitarre, nella maggior parte dei casi modelli nuovi”.

Ed è nel sesto disco dei Pink Floyd pubblicato nel 1971, Meddle, che David ha usato per la prima volta la sua preziosa chitarra: “Sì, direi che il primo materiale creato con la Black Strat è finito in quell’album, è in quel periodo che è diventata la mia chitarra principale, quella che usavo praticamente per ogni cosa, a meno che non ci fosse una particolare esigenza di creare un sound diverso. La Black Strat è in Meddle, così come inThe Dark Side of the Moon, in Comfortably Numb…”.

Oggi David non può più suonare questa storica chitarra perché, com’è noto, è stata messa all’asta insieme a tantissimi altri strumenti della sua collezione. Ma lui non si pente di averlo fatto: “Sono contento della mia scelta, c’è un perfetto equilibrio tra l’affetto che provo per quella chitarra, ciò che sono riuscito a creare suonandola e il fatto che sia semplicemente uno strumento del mestiere che può essere sostituito. Qualsiasi cosa può essere sostituita, così come chiunque può essere rimpiazzato”.

Di certo, anche se ne ha messe all’asta molte, il musicista ne comprerà altre ma ora è difficile che ciò accada come un tempo. Una volta anche Gilmour era solito provare una chitarra prima di comprarla, ma oggi le cose sono cambiate anche in questo ambito: “Non entro in un negozio di chitarre da un bel po’ di tempo, non funziona più così. Adesso il mio staff parla con il loro staff, le chitarre mi arrivano, le provo e poi vengono messe nelle custodie. Però in Inghilterra ci sono posti nei quali hanno davvero tanti vecchi modelli di chitarre fantastiche che si possono visionare e provare prima dell’acquisto”.

Che strani vecchi oggetti, le chitarre. Sono bellissime. Suonando una chitarra si può creare una strana magia ma, alla fine, non sono altro che strumenti del mestiere”. Non è, dunque, tanto la chitarra in sé per sé a essere importante secondo Gilmour, bensì quello che attraverso di essa può essere creato..

La Fender Stratocaster bianca, con cui ho suonato nel 1978, con punte d’oro aveva dei pioli dorati, che non sembrano esserci più… un scalfittura dorata, una targa d’oro sul retro, con il numero 1… ed è stata realizzata nel ’54”.

Un amico di Leo Fender, che si chiamava Rex, gli ha suggerito le smerlature sul corpo della Stratocaster e di modellarla in modo da adattarla meglio al telaio. È stata una buona idea e Leo Fender gli ha regalato questa chitarra intorno al ’54 o ’55. È uno strumento molto bello, ma è venuto fuori che Rex era un uomo della Gibson Guitar Corporation e quindi non è stata suonata molto. Alla fine, l’ha venduta, credo per comprare un registratore ed è finita nella vetrina di un negozio da qualche parte in California; è stata acquistata poi da un signore per regalarla al figlio dodicenne a Natale”.

Gli anni sono passati, sono successe molte cose misteriose e nel ’78 eccola qua: la migliore Strat che io abbia mai suonato. Per me, da allora non c’è stato alcun miglioramento nella realizzazione della chitarra elettrica. Come arricchire d’altro canto la perfezione?.

Fonte: Virgin Radio

Shine On!

(altro…)

NICK MASON’S SAUCERFUL OF SECRETS: UN OSPITE SPECIALE…

Mentre la tappa nordamericana del tour “Saucerful Of Secrets” di Nick Mason del 2019 si dirige verso la sua conclusione, prima delle date in Regno Unito alla fine di aprile/inizio maggio (con un certo numero di date europee a luglio), la notte del 18 Aprile la band di Nick si è esibita al Beacon Theater di New York City, con un ospite d’eccezione: Roger Waters! Roger è salito sul palco per cantare “Set The Controls for the Heart of the Sun”, un momento speciale per tutti i presenti al concerto.. Roger stesso ha anche detto a Nick sul palco, “Voi ragazzi suonate meglio di quello che facevamo noi allora!”, poi è tornato dopo l’encore per inchinarsi con la band.

Ecco alcuni video dell’esecuzione di Nick e Roger insieme:

Copyright foto:(c) Linda Heath

Shine On!