2018

NICK MASON’S SAUCERFUL OF SECRETS – MILANO

Nick Mason arriva finalmente in Italia con i suoi “Saucerful Of Secrets”, al Teatro Arcimboldi! Un evento attesissimo da tutti i fan dei Pink Floyd, non solo per l’occasione di vedere Nick dal vivo, ma per ascoltare tantissime canzoni del primo periodo dei Pink Floyd, tanto amate dal batterista (e non solo..), che per oscure ragioni sono sempre rimaste “fuori” dalle scalette live dei compagni Roger Waters e David Gilmour. Si preannuncia infatti un concerto che farà la felicità di tutti i fan con brani come “A Saucerful of Secrets”, “See Emily Play”, “If – Atom Heart Mother”, “Lucifer Sam” e tanti altri. La band sembra in grandissima forma, naturale non aspettarsi la “magia” di David o Roger, ma tanto divertimento e un’occasione irripetibile per vedere Nick Mason all’opera!

Se parteciperete, lasciate nei commenti la vostra opinione sullo spettacolo!

Qui lo show a Copenhagen:

Embed from Getty Images

Shine On!

Annunci

ROGER WATERS: “THE SOLDIER’S TALE”

In un annuncio inaspettato, è stato confermato che Roger Waters, in collaborazione con la “Bridgehampton Chamber Music Festival Orchestra”, ha lavorato ad un nuovo album che sarà pubblicato tramite Sony Music Classical, il 26 ottobre 2018. Per questa nuova registrazione di questo classico, Roger ha riscritto il testo, raccontando l’intera straziante fiaba moderna, interpretando non solo il Soldato, il Diavolo e il Narratore, ma anche tutti gli altri personaggi! Roger ha eseguito “The Soldier’s Tale” nel 2008 con la Bridgehampton Chamber Music Festival Orchestra.

A questo link il Cd su Amazon Italia.

Una star internazionale e l’incontro con il diavolo

Roger Waters – The Soldier’s Tale

La leggendaria rockstar reinterpreta L’histoire du soldat di Stravinskij narrando in prima persona questa straziante favola moderna

Sentire il diavolo e il soldato che litigano verso la fine della sezione iniziale di The Soldier’s Tale di Stravinskij incute un vero e proprio senso di paura. Roger Waters articola il violento diverbio con una tale energia e furia spietata, in un avvincente susseguirsi di climax carichi di rabbia, che ci sentiamo partecipi del dramma di un uomo comune che vuole troppo e rischia troppo. In breve, il fondatore dei Pink Floyd – che interpreta tutti e tre i ruoli dell’opera di Stravinskij: soldato, diavolo e voce narrante – è un narratore straordinario.

Inquietante favola dai tratti inevitabilmente moderni, The Soldier’s Tale è anche una composizione contro la guerra, nonché l’opera che rappresenta il punto di svolta nella produzione artistica di Stravinskij. Nel 1917 il compositore di San Pietroburgo era già una star. Acclamato pianista e direttore d’orchestra, da anni si recava regolarmente a Parigi e aveva ottenuto un enorme successo con i suoi balletti. Ma la prima guerra mondiale lasciò il segno nel mondo della musica. Fu proprio in questa circostanza che scrisse The Soldier’s Tale, composizione per sette strumenti: violino, contrabbasso, clarinetto, fagotto, trombone, percussioni e cornetta, spesso sostituita dalla tromba. Il risultato è un’opera insolita, che coniuga l’introspezione più estrema con un’appassionante tensione drammatica e una notevole espressività.

Compositore provocatorio, Stravinskij fu una figura controversa tanto tra gli appassionati di musica classica quanto tra gli intellettuali; Adorno, ad esempio, lo trovava antiquato ma al contempo ne subiva il fascino. Nel 1917 Stravinskij aveva già maturato un suo stile ben definito, caratterizzato da moderato melodismo, audacia armonica e sperimentazione con ritmi complessi, ma non abbandonò mai completamente il linguaggio della musica classica.

The Soldier’s Tale, il nuovo progetto di Roger Waters, ci consente di riscoprire un classico che, per la sua natura di opera per ensemble da camera con voce narrante, viene proposto molto raramente a teatro. The Soldier’s Tale può essere considerato il fulcro del primo Stravinskij: nella terza sezione della Parte Prima il compositore cita la Sagra della primavera, mentre altrove riecheggiano Petrouschka e L’uccello di fuoco.

Scritta su libretto in francese di Charles-Ferdinand Ramuz, che si ispirò a varie favole russe, The Soldier’s Tale è la storia di un soldato – non sappiamo di quale esercito – che, in licenza per dieci giorni, torna a casa suonando il violino durante il tragitto. Gli appare il diavolo che gli propone un patto: il suo strumento in cambio di un libro che lo avrebbe reso ricco. Cosa che effettivamente succede, ma l’uomo non troverà certo la felicità attraverso il libro magico.

Waters usa volutamente un accento inglese, conferendo così alla narrazione un tocco di freschezza e di realismo che funzionano benissimo: è un semplice soldato che parla con l’accento dell’Inghilterra meridionale. Sentiamo parlare un artigiano, una persona con il naturale scetticismo del perdente ma che ciononostante cade in una trappola. Waters quindi passa agevolmente a un tono narrativo spiccatamente misurato, spesso evocando la figura dell’astuto diavolo. Come voce narrante tratta il testo in modo completamente naturale, dandogli nuova vita.

The Soldier’s Tale, tuttavia, non è una mera incursione nel campo dell’arte colta. Da anni ormai Roger Waters è molto più che il frontman dei Pink Floyd. Il suo primo progetto al di là dei confini del rock è l’opera Ça ira, eseguita per la prima volta nel 2005, che coniuga l’atonalità più spinta con il neoclassicismo in stile Benjamin Britten. In questo e in altri lavori Waters rivela una chiara sensibilità per quel particolare momento della storia della musica, che l’artista esprime ogni volta che si trova a confrontarsi con l’atonalità. Quanto deve essere radicale? E come si lega la musica alla tradizione classica e romantica? Probabilmente è questa la domanda più importante che il progressive deve porsi oggi, ed è anche la domanda che si pose Stravinskij quando scrisse The Soldier’s Tale.

Roger Waters non ha inciso quest’opera per caso: ci sono motivi personali ben precisi dietro a questa scelta. In primo luogo desiderava da tempo avvicinarsi di più alle opere di un compositore la cui caratura e, a tratti, inaccessibilità forse presentano più di un punto in comune con la musica del cantante e bassista del Surrey. In secondo luogo le due guerre mondiali hanno lasciato il segno anche nella famiglia di Waters, che ha perso il padre durante la seconda e un nonno durante la prima.

Con la loro esecuzione brillante e precisa, i sette musicisti con cui Waters ha realizzato quest’opera, tutti legati al Bridgehampton Chamber Music Festival, rivelano la padronanza di un classico solo apparentemente facile. La musica stessa è complessa: Stravinskij lavora con echi di musica per cabaret e musica leggera, con frequenti cambi di tempo e, in alcuni punti della partitura, passaggi in cui due tonalità si scontrano. Tutto questo serve per sottolineare il carattere grottesco della storia di guerra narrata e al contempo lanciare un monito. Un’opera che ancora oggi intende allontanare l’ascoltatore dalle proprie sicurezze e che Roger Waters ha reinterpretato con grande impegno e passione.

The Soldier’s Tale uscirà il 26 ottobre 2018, poco prima del centenario della firma dell’armistizio di Compiègne che pose fine alla prima guerra mondiale l’11 novembre 1918.

(altro…)

NEWS IN PILLOLE

News dalla fanzine Heyou:

L’edizione inglese di Classic Rock Magazine (n.252, in copertina i Soundgarden) dedica 4 pagine al making of di Amused To Death; con richiamo in copertina.

NUOVO LIBRO SU SYD BARRETT: Kaos Edizioni ha pubblicato un nuovo libro dedicato al fondatore dei Pink Floyd, dal titolo “La ballata di Syd Barrett” (cod. ISBN 978-88-7953-320-1), 180 pagine a cura di Alex Romeo che ripercorrono la travagliata esistenza di Syd, dal successo dei primi singoli e del primo album fino alle tragiche conseguenze che ne hanno segnato la vita artistica e personale. Prezzo di copertina € 17,00. Disponibile anche su Amazon.it.

CALENDARIO 2019: Come ogni anno arriva il calendario ufficiale Pink Floyd, questa volta dedicato agli early years.
Già preordinabile a UK£ 9.99, uscirà tra ottobre e novembre; per tutte le info visitate il sito http://www.calendarclub.co.uk/…/pink-floyd-official-calenda…

NICK MASON INTERVISTATO DA BILLBOARD: Nick Mason ha rilasciato un’intervista a Billboard in cui parla del suo progetto Saucerful of Secrets: http://www.billboard.com/…/nick-mason-pink-floyd-saucerful-…

NUOVO ALBUM PER ROGER WATERS? Pulse&Spirit dell’amico Werner Heider ha diffuso la notizia di un nuovo album di Roger Waters, che dovrebbe uscire il 26 ottobre su Sony Classical. Il titolo annunciato è “Soldier’s Tale”, e riprende il nome dell’omonima opera di Igor Stravinsky che vide proprio Waters nelle panni del narratore durante la rappresentazione al Bridgehampton Chamber Music Festival il 10 agosto 2008. Non è ancora noto il contenuto del disco, che potrebbe consistere nella registrazione di tale concerto o in materiale registrato recentemente.
Il numero di catalogo è 0190758727325, e il prezzo dovrebbe aggirarsi sui 21.99 euro.

“BROKEN BONES” LIVE PREMIERE: Il 10 agosto, durante il concerto alla Royal Arena di Copenhagen, Roger Waters ha eseguito come bis per la prima volta dal vivo il brano “Broken Bones” (http://youtu.be/qeuxjul8igU).
Il 13 agosto l’ha nuovamente suonata assieme a “Mother” al Nobel Peace Center di Oslo, in un evento ristretto intitolato “Music and Peace” nel quale ha conversato con il regista Liv Tørres e il giornalista musicale Robert Hoftun Gjestad di Aftenposten, parlando della sua carriera musicale e delle sue posizioni politiche.
Il 14 agosto, in coda al concerto tenuto alla Telenor Arena di Fornebu (Oslo), ha eseguito come bis “Vera”, “Bring the Boys Back Home” e “Comfortably Numb”

EMMA TRICCA CON NICK MASON A SETTEMBRE: Nick Mason ha annunciato che la cantautrice folk italiana Emma Tricca, molto apprezzata nel Regno Unito, aprirà i concerti dei Saucerful of Secrets come artista di supporto.

“UNATTENDED LUGGAGE” VIDEO TEASER
Diffuso un breve filmato per promuovere l’imminente pubblicazione del box “Unattended Luggage”, in uscita il 31 agosto.

Fonte: www.heyou.it

Shine On!

PINK FLOYD: “A FOOT IN THE DOOR” IL BEST OF IN VINILE

Come largamente anticipato, le uscite in vinile della Pink Floyd Records non sono finite: è stato annunciato infatti l’uscita il 28 Settembre 2018 in Doppio Lp 180 gr. del best of “A Foot In The Door“.

Le tracce sono state appena masterizzate per il vinile dal noto collaboratore dei Pink Floyd James Guthrie, con Joel Plante e Bernie Grundman della Grundman Mastering a Los Angeles, in California. Il design originale della copertina è stato modificato dal direttore creativo Pink Floyd Aubrey Powell di Hipgnosis e Peter Curzon, che sarà una versione alternativa della fotografia utilizzata nella versione originale del CD. Parlando di versioni alternative, la canzone “Time” non sarà quella della versione sul Cd..

A questo link, la pagina Amazon Italia del Vinile.

Shine On! (altro…)

ROGER WATERS – TOUR OUTDOOR IN ITALIA A LUCCA E ROMA

Dopo la trionfale tournée indoor a Bologna e Milano, Roger Waters torna in Italia, questa volta a Lucca e a Roma, con la “versione estesa” del tour progettata esclusivamente per posti all’aperto:

11 Luglio | Lucca Summer Festival | Mura Storiche
14 Luglio | Rock in Roma | Circo Massimo

Lo spettacolo è stato ideato con Sean Evans, da anni braccio destro di Waters e regista del film-concerto del 2014 “Roger Waters The Wall”, e il direttore tecnico Richard Turner. La risoluzione dei visuals è all’avanguardia e i filmati sono integrati al contenuto live grazie a telecamere 4K. Grande cura è dedicata all’allineamento fra proiezioni ed elementi semoventi, in tutto una ventina. Gli oggetti sono tracciati in modo invisibile in 3D e i movimenti dei proiettori – ce ne sono tre per ogni ciminiera – sono sincronizzati alle loro silhouette in tempo reale in modo che nessuna vibrazione alteri l’effetto visivo. Vedremo sicuramente il maiale volare, magari con nuovi riferimenti a Donald Trump nelle grafiche di Bottom of the Pyram1d. Sul palco, Roger Waters è accompagnato da Dave Kilminster (chitarra e cori), Jonathan Wilson (chitarra e voce), Gus Seyffert (basso e chitarra), Bo Koster (tastiere), Jon Carin (tastiere e lap steel guitar), Joey Waronker (batteria), Ian Ritchie (sassofono), oltre alle coriste Jess Wolfe e Holly Laessig delle Lucius.

Waters arriverà lunedì a Lucca (non si sa se dormirà in provincia o in un’altra città) e farà un sopralluogo dell’area. Intanto, dopo la chiusura del marciapiede e della pista ciclopedonale lungo il lato degli spalti in viale Carducci, da oggi fino ai giorni successivi allo spettacolo sarà chiusa la sortita del baluardo Santa Maria. Da sabato divieto di sosta e transito in via Carrara e nella zona circostante l’ex Palazzo di Giustizia.

Foto di Andrea Faina

Nell’attesa, potete vedervi il concerto di pochi giorni fa ad Hyde Park, ma se volete evitare spoiler (visto che lo spettacolo dovrebbe essere uguale..) passate oltre! 😉

Parte 1

Parte 2

(altro…)

NICK MASON – UNATTENDED LUGGAGE

È prevista per il prossimo 31 agosto 2018 l’uscita di un cofanetto, disponibile sia in versione Cd sia in versione Vinile, che raccoglie gli album da solista di Nick Mason sotto il titolo di “Unattended Luggage”. I cofanetti, in uscita per Warner Music, saranno in edizione limitata e includono i tre album in solitaria di Mason “Nick Mason’s Fictitious Sports”, “Profiles” e “White of the Eye”, dischi ai quali il batterista si riferisce così: “Queste registrazioni occupano un posto davvero speciale per me nella mia vita musicale. Riascoltandoli dopo 30 anni, sono lieto che stiano ricevendo il trattamento della ristampa. Anzi sto sperando che le vendite siano sufficienti a danneggiare il mercato delle rare versioni su vinile originali!”.

Nick Mason’s Fictitious Sports”, originariamente pubblicato nel 1981, è l’album di debutto dell’ex Pink Floyd come solista e include collaborazioni con musicisti quali Robert Wyatt e Carla Bley. Il secondo lavoro di studio di Mason, principalmente strumentale, è “Profiles”, uscito nel 1985 come “Mason + Fenn” in collaborazione con il chitarrista Rick Fenn. Figurano nel disco anche il compagno di band David Gilmour, che presta la sua voce in “Lie for a Lie”, insieme a Maggie Reilly, e il tastierista degli UFO Danny Peyronel. “White of the Eye”, infine, è nato, ancora una volta in collaborazione con Rick Fenn, come colonna sonora dell’eponimo thriller inglese. Pubblicato nel 1987 con l’uscita del film, ora per la prima volta compare su cd ed è nuovamente disponibile dopo più di vent’anni.

Già disponibile la pagina Amazon Italia dal quale si potrà prenotare sia il cofanetto in Cd che Vinile: questo il link.

Shine On!

TRACKLIST:

Nick Mason’s Fictitious Sports

  1. Can’t Get My Motor to Start – Nick Mason
  2. I Was Wrong – Nick Mason
  3. Siam – Nick Mason
  4. Hot River – Nick Mason
  5. Boo to You Too – Nick Mason
  6. Do Ya? – Nick Mason
  7. Wervin’ – Nick Mason
  8. I’m a Mineralist – Nick Mason
Profiles
  1. Malta
  2. Lie for a Lie
  3. Rhoda
  4. Profiles, Pts.1 & 2
  5. Israel
  6. And the Address
  7. Mumbo Jumbo
  8. Zip Code
  9. Black Ice
  10. At the End of the Day
  11. Profiles, Pt.3

White of the Eye

  1. Goldwaters
  2. Remember Mike?
  3. Where Are You Joany?
  4. Dry Junk
  5. Present
  6. Thrift Store
  7. Prelude and Ritual
  8. Globe
  9. Discovery and Recoil
  10. Anne Mason
  11. Mendoza
  12. A World of Appearances
  13. Sacrifice Dance
  14. White of the Eye