londra

PINK FLOYD: DAL 13 MAGGIO LA MOSTRA “THEIR MORTAL REMAINS” – TRAILER

Dal 13 maggio al Victoria and Albert Museum di Londra, sarà in scena la mostra “Their Mortal Remains” e sarà un viaggio audiovisivo attraverso 50 anni di storia dei Pink Floyd, il collegamento con la musica, l’arte e il design, la tecnologia del suono e le performance dal vivo: dai loro esordi sulla scena underground nel 1960 a Londra fino ai giorni nostri. La mostra avrà la durata di 20 settimane.

A questo link il sito ufficiale dove è possibile acquistare i biglietti, a questo link invece la pagina Facebook.

Ricordo inoltre che a questo link Amazon è possibile acquistare il libro ufficiale della mostra con ben 304 pagine (in lingua Inglese).

Shine On!

THE PINK FLOYD EXHIBITION: “THEIR MORTAL REMAINS”

Cattura

Si svolgerà al London Victoria and Albert Museum la prima grande retrospettiva internazionale dei Pink Floyd. Per celebrare i 50 anni dal primo singolo Arnold Layne, e oltre 200 milioni di dischi venduti in seguito, la mostra sarà un viaggio coinvolgente, multisensoriale e teatrale attraverso il mondo straordinario dei Pink Floyd.
Una storia di suono, design, performance, musica e tanto altro, dalla scena underground negli anni 60 ai giorni nostri, il loro uso innovativo di effetti speciali, sperimentazione sonora, immagini potenti e critica sociale. La mostra segna la prima collaborazione da decenni dei membri rimanenti dei Pink Floyd ed è promosso da Michael Cohl e Iconic Entertainment Studios.

La mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains si apre il 13 maggio 2017 per 20 settimane.

Per acquistare i biglietti clicca qui.

Per il sito ufficiale della mostra e tutte le info clicca qui.

Shine On!

DAVID GILMOUR: CONCLUSO IL TOUR EUROPEO

2000 (3)

Con le 5 date alla Royal Albert Hall di Londra si è concluso il tour europeo 2015 di David Gilmour e il suo “Rattle That Lock World Tour“. È ora di tirare le somme su questo tour, che da “piccolo” come era stato annunciato, diventerà sempre più grande con il tour Sudamericano previsto a Dicembre, dove dagli anfiteatri Europei il tour si sposterà in “megastadi” come l’Estadio Nacional in Chile e l’Allianz Parque in Brasile… In generale il disco Rattle That Lock è stato accolto dai fan molto bene come dimostra il secondo posto delle classifiche di vendita mondiali, con 220.000 copie vendute fino a questo momento nella sua prima settimana di permanenza, anche se naturalmente qualcuno si aspettava qualcosa in più, ma questo non ha influito sulla vendita dei biglietti, praticamente quasi sold-out ovunque.. I brani proposti dal vivo sono un misto tra il disco nuovo e i classici dei Pink Floyd, più un paio dal penultimo disco solista di David, On An Island. Molti (me compreso) si aspettavano che questa volta David andasse a ripescare nel suo repertorio solista anche brani da “David Gilmour” ed “About Face”, ma così non è stato, ed è un peccato perchè in quei due album ci sono dei piccoli capolavori che meriterebbero l’esecuzione dal vivo.. In compenso ha “rispolverato” le roboanti “Sorrow” e “Run Like Hell”, accolte in maniera fantastica dal pubblico. In generale questo tour europeo penso abbia dato a David molte soddisfazioni e la certezza che i suoi fan lo amano ancora come una volta e continueranno a farlo, ma facendo un confronto con l’On An Island Tour del 2006, per queste prime date del 2015 lo ho visto un pò “freddo”, come se la mancanza di Rick Wright pesasse più di quanto non si aspettasse. L’esecuzione dei brani dal vivo la cui scaletta è rimasta quasi invariata per tutto il tour è stata abbastanza altalenante, ci sono stati concerti in cui ha suonato meglio e altri peggio, ugualmente per quanto riguarda la voce, ma è comprensibile visto i 69 anni di David… Resta il fatto (e a quanto si legge sul web molti non vogliono proprio capirlo…) che David Gilmour è uno dei più grandi chitarristi viventi su questo pianeta, e dovremmo tutti ringraziare per la gioia e le emozioni che ci fa ancora vivere, potendo starsene invece seduto sul divano a bere, mangiare ed ingrassare! Ora aspettiamo con trepidazione cosa ci riserverà il tour Sudamericano…

Qui sotto delle bellissime foto dalle ultime performance live alla Royal Albert Hall, molte delle quali ad opera di Sarah Lee

Shine On!

(altro…)

TARGA IN ONORE DEI PINK FLOYD ALLA WESTMINSTER UNIVERSITY DI LONDRA

plaque3Giovedì 28 maggio i membri fondatori dei Pink Floyd sono stati premiati con una targa permanente affissa alla parete esterna dell’Università di Westminster (ex Regent Street Politecnico) a Londra, dove Roger Waters, Nick Mason e Richard Wright si sono incontrati per la prima volta. Nick e Roger erano entrambi presenti di fronte a una folla ansiosa e hanno svelato che la targa sarà una parte fissa del palazzo. Oltre alla stampa, erano presenti anche familiari, amici e colleghi. Tra questi, Joe Boyd, Juliette Gale (prima moglie di Richard), Jill Furmanovsky e Robyn Hitchcock. Shaw ha detto: “La storia di Regent Street è pieno di grandi eventi pionieri della storia culturale del territorio. La formazione dei Pink Floyd qui al Politecnico di Regent Street è uno dei momenti più importanti nella storia della musica rock britannica“. Petts ha continuato: “L’Università di Westminster è sempre orgogliosa di rendere omaggio ai successi dei nostri alunni. Siamo felici di essere associati con il successo globale dei Pink Floyd e celebrare oggi l’inaugurazione di questa targa a Regent Street“. A questo link l’articolo ci video del Corriere della Sera. Qui le parti salienti delle interviste:

Roger Waters: “Sono arrabbiato come tutti gli altri dovrebbero essere. Tutti quei bastardi della Silicon Valley, che stanno rubando non solo il nostro lavoro, ma quello di tutti i musicisti di tutto il mondo stanno facendo… Diffondere la musica attraverso internet e far credere alla gente che sia gratuita e che dovrebbe essere gratuita, quando invece non lo è… Essere un musicista è come qualsiasi altro lavoro. È perfettamente ragionevole che le persone debbano pagare per i frutti del tuo lavoro“.

Nick Mason: “È stato molto bello, è il riconoscimento per qualcosa di cui credo siamo orgogliosi. Mettiamola così: se avessimo partecipato a Britain’s Got Talent, non avremmo superato nemmeno le audizioni. Non eravamo così bravi“.

Shine On!

ROGER WATERS THE WALL LIVE @ WEMBLEY STADIUM

CatturaPer i fans italiani che andranno a vedere Roger Waters con il suo “The Wall” allo Wembley Stadium di Londra il 14 settembre 2013, troveranno molto interessante la guida realizzata da Visit Britain sullo stadio, su come raggiungere dall’estero Londra (aereo, pullman, auto, treno), trovare alloggio a Wembley e nel centro di Londra, attrazioni turistiche da visitare, i pass per la metropolitana, ristoranti e pubs nelle vicinanze dello stadio e nel centro di Londra. Quindi se volete farvi una mini-vacanza o semplicemente volete andare a vedere “The Wall” a “casa” di Roger a Londra dove sarà sicuramente un evento “speciale”, questa guida vi sarà molto utile… non vi resta che cliccare su questo link: http://www.visitbritainshop.com/italia/articoli-e-itinerari/wembley-guide.html

È poco probabile ma non è escluso che a questa data ci sia qualche “special guest” come accadde alla O2 Arena nel 2011 con ospiti del calibro di… Nick Mason e David Gilmour. Sognare non costa nulla no?…

Shine On!

QUALE FUTURO PER ROGER, DAVID E NICK?

Negli ultimi mesi si sono rincorse molte voci riguardanti nuovi progetti da parte di Roger Waters e David Gilmour, intanto Nick Mason si è divertito a suonare al gran finale della cerimonia olimpica di londra “Wish you were here” con  Ed Sheeran ottenendo un risultato “discutibile”.

Roger Waters ha confermato in una intervista che ha in progetto un nuovo album di inediti, quindi aspettiamo solo notizie più concrete riguardanti l’inizio delle registrazioni, mentre su David Gilmour si sa che ha scritto una nuova canzone per la moglie Polly, ma avrebbe molte altre canzoni gia pronte come demo, resta solo la voglia di iniziare un nuovo disco, anche se si dice che stia già registrando qualcosa in francia..

Questo è quanto, per il momento non c’è nessuna notizia ufficiale in merito all’uscita di album da parte di Roger e David nel 2013 e onestamente penso che se ci sia la volontà da parte loro di registrare qualcosa di nuovo ci saranno da aspettare tempi biblici, considerando la mania di perfezione assoluta dei due.

Quindi restiamo nella speranza che le voci si trasformino in qualche annuncio ufficiale.

Shine On!