pink floyd

PINK FLOYD: ANTEPRIMA DI “RUN LIKE HELL” DA “DELICATE SOUND OF THUNDER” – VERSIONE 2019

Continuano i video-anteprima dell’imminente box “Pink Floyd: The Later Years 1987-2019” in uscita il 13 Dicembre, questa è la volta di Run Like Hell tratta dalla nuova versione interamente restaurata e ri-editata del film Delicate Sound Of Thunder! Il direttore creativo Aubrey ‘Po’ Powell:“Ho preso tutto questo film, l’ho restaurato e rieditato. Ci sono voluti 16 mesi per farlo, e lo abbiamo portato al più incredibile concerto di due ore di film, sembra incredibile. David ha ri-riprodotto il suono e ha remixato tutto, e il risultato è semplicemente spettacolare“.


Qui invece possiamo vedere la differenza tra la nuova versione 2019 e il master video del 1988:


Pochi giorni fa è stato pubblicato anche il video dell’unboxing del cofanetto:

Shine On!

PINK FLOYD: SPECIALE “MATERIALE ESCLUSO” DAL BOX “THE LATER YEARS 1987-2019”

Come anticipato da Amazon, ora abbiamo la conferma ufficiale che “The Later Years” uscirà il 13 Dicembre 2019, questo il comunicato apparso sulla pagina Facebook dei Pink Floyd: “A causa di ritardi nella produzione e nella logistica, il cofanetto deluxe da 18 dischi “Pink Floyd The Later Years” e la sua versione digitale, usciranno ora il 13 dicembre 2019. I pacchetti “highlights” di 2LP o 1CD e i le relative edizioni digitali, manterranno invece il rilascio del 29 novembre 2019. Il box comprende il materiale creato da David Gilmour, Nick Mason e Richard Wright dal 1987 in poi, e include oltre 13 ore di materiale audio e audiovisivo inedito, tra cui i tanto attesi concerti di Venezia del 1989 e Knebworth del 1990. 

Quindi, per “ingannare” l’attesa dell’uscita del prossimo “mega box” dei Pink Floyd, ho voluto fare una somma del materiale che per varie ragioni, non è stato inserito nel cofanetto. Malgrado il periodo copra “solo” tre album in studio, il materiale prodotto è davvero tanto: se i filmati inclusi come Venezia e Knebworth, i filmati ufficiali Delicate Sound Of Thunder e Pulse, sono stati interamente restaurati, ci sono varie cose che non sono state inserite. Qui sotto troverete quelle che -a mio parere, considerando il costo del box- avrebbero dovuto esserci. Naturalmente ci sono anche altri video e audio che potrebbero essere pubblicati, come il roadmovie “Still First In Space” presente su YouTube, le outtakes di The Division Bell, i nastri ambient chiamati “The Blig Spiff” che abbiamo avuto occasione di ascoltare nel cofanetto di The Endless River, insomma di materiale ne è stato prodotto in quantità, non so voi ma io non vedo l’ora che arrivi il box, sono molto curioso su tutto, dal remix 2019 di “A Momentary Lapse Of Reason” a tutti i video restaurati, finalmente in alta definizione..

(altro…)

PINK FLOYD: “THE LATER YEARS 1987 – 2019” – SPECIALE “UNCUT MAGAZINE”

Mentre i Pink Floyd si preparano per l’uscita del box “The Later Years”, il nuovo numero di Uncut Magazine presenta un nuovo sguardo sull’era post-Roger Waters dei Pink Floyd, con contributi dei componenti della band e di alcuni collaboratori. Nell’articolo, Tom Pinnock parla con David Gilmour, Nick Mason, il direttore creativo Aubrey Powell e l’ingegnere di lunga data Andy Jackson, a proposito della (ri)formazione della band dopo la dipartita di Waters nel dicembre 1985.

Traduzione a cura di Cymbaline – Pink Floyd Magazine

David Gilmour: “Nel 1984, Roger aveva ovviamente deciso che ne aveva abbastanzama non avevo ancora deciso fosse abbastanza per me. Quindi immagino di aver pensato: “Sì, riprenderemo a fare i Floyd”.”

Nel dicembre 1985, Waters annunciò il suo abbandono, ma Gilmour desiderava incidere un nuovo album. La disputa legale si intensificò per tutto il 1986, fino a quando Waters portò la sua battaglia all’Alta Corte in ottobre.

Come ricorda Nick Mason:
Penso che David si stato il fautore dell’idea [di continuare]. Non è che non volessi continuare – l’ho fatto – ma non credo allora mi importasse quanto importava a David. Saremmo stati in parte in studio e in parte nell’ufficio degli avvocati – “Roger stava per portarci in tribunale?” E la risposta era, ovviamente, che non poteva, perché aveva lasciato la band e l’unica cosa chiara in tutti i nostri accordi contrattuali era che se uno o più se ne fossero andati,la band avrebbe continuato senza di loro … Ciò avrebbe dato a me e David l’autorità di proseguire.

In uno spirito di continuità, il duo aveva arruolato il produttore di The Wall Bob Ezrin e iniziò a lavorare all’Astoria all’inizio del 1986. Fu una mossa rischiosa, per ragioni ben più che legate ad aspetti legali: il tour da solista di Waters (quello di Pros and Cons del 1984, ndr), grazie anche all’esecuzione del repertorio storico dei Floyd, era andato molto meglio degli spettacoli del tour di About Face di Gilmour (dello stesso anno, ndr).

L’intera faccenda fu un po’ una scommessa“, afferma Aubrey Powell. “Era naturalmente scoraggiante avere la responsabilità di portare avanti i Pink Floyd. Penso che anche finanziariamente sia stato un periodo ansioso … ma David è una persona molto ottimista.

David era molto determinato a non sentirsi dire che non ce l’avrebbe fatta“, spiega Andy Jackson. “Aveva il desiderio di continuare come una band, quindi ha dovuto farlo funzionare per forza per non dare addito a Roger di dire che non esistevano Floyd senza di lui.

Stavamo cercando di creare qualcosa che suonasse molto moderno per i tempi“, continua Jackson, “il che significa ovviamente che col passare del tempo (il disco, ndr) è finito per sembrare datato.

Come Bob Ezrin era incline a fare, all’inizio dell’album è arrivato con una pila di CD e ha detto:
Questo è ciò che sta accadendo ora“. Nell’86, il digitale era ormai in prima linea. “Brothers In Arms” dei Dire Straits era appena uscito e aveva un suono molto particolare, e quello era un “bar” a cui Bob ha detto che dovevamo mirare.”

Ci abbiamo in qualche modo messo tutto dentro il disco“, dice Mason. “C’era un senso di trepidazione su come sarebbe stato senza Roger, quindi abbiamo leggermente esagerato con il mettere carne sul fuoco in termini di musicisti. Alcuni brani sono sovraprodotti in eccesso, hanno dentro troppa roba …

Pensavo che non suonasse davvero come un disco dei Pink Floyd“, dice il bassista Guy Pratt, che si unì alla band nel 1987 per il loro tour dal vivo, “ma è stato un ottimo disco. È frutto del suo tempo: i Floyd erano adatti alla magniloquenza degli anni ’80“.

Aubrey Powell: “quando  nel 1975 valutavamo varie idee per la cover di Wish You Were Here mi ritrovai in Islanda per fare delle fotografie e mi venne l’idea di due uomini che osservano una mappa. La fotografai in bianco e nero, e aveva davvero una grande atmosfera. Non l’ha mai vista nessuno, perché l’idea dei due uomini che si stringono la mano, con uno dei due che va a fuoco, era così forte che la mia foto venne subito messa da parte. Circa 18 mesi fa pensai: “Mi piaceva quell’immagine, ma non l’ho mai usata” Ed era incredibile, pensai. Classico stile Hipgnosis. E così adesso è sulla front cover dell’album con gli highlights di Later Years. Riassume tutto: due uomini che osservano una mappa e si chiedono come proseguire. È esattamente ciò che accadde a Nick e David dopo la separazione da Roger

Andy Jackson: “Sorrow era un ibrido strano – la batteria altro non era che pad elettronici, per cui aveva qualcosa di ‘macchina’. Abbiamo cambiato i suoni per renderli più organici, ma a David piacevano i pad.Ci abbiamo inserito parti di Rick e abbiamo cambiato il basso, per cui è qualcosa di diverso rispetto all’originale“.

“Per The Later Years la scelta di includere la versione inedita live di Arnold Layne, registrata al Barbican di Londra il 10 maggio 2007 è stata praticamente ovvia.Fu l’ultima volta che i Pink Floyd hanno suonato insieme come gruppo a tre. È una chiosa perfetta, essendo quello il primo singolo dei Floyd; l’inizio e la fine contenuti in una sola canzone. Dunque, ha un significato romantico.”

Aubrey Powell: “Tempo fa abbiamo ritrovato 310 bobine a 35mm delle riprese che diventarono la vhs e il laser disc ufficiali di Delicate Sound of Thunder.Erano tutte fuori sincrono, non erano state fatte alla stessa velocità. Così abbiamo digitalizzato tutto e abbiamo avviato un processo lungo ben 14 mesi di editing del film.Abbiamo letteralmente ricostruito tutto il video del concerto da capo, rifacendo il montaggio dai master originali. Quello che vedrete sarà dunque qualcosa di completamente nuovo. Abbiamo finalmente reso giustizia alla testimonianza di quel tour, ripulendolo completamente dalla regia e dagli effetti tipici di quei periodi di fine anni ’80

Dall’articolo di Uncut sono uscite fuori anche queste rivelazioni:

Gilmour, nel mixare il nuovo “Lapse of Reason” ha definito l’album un bell’album ma ammette che uno o duo brani, dovesse inciderlo oggi, non le avrebbe più inserite e voleva per “On The Turning Away”parole particolarmente forti, con l’accenno alla necessità di protestare e vigilare contro le ingiustizie personali, politiche e sociali. Pochi mesi fa, nel guardare “il nuovo” restauro e rifacimento del video di “Delicate Sound Of Thunder” era particolarmente rilassato e divertito nel rivedere “i tempi d’oro” all’apice delle loro performance.  Per “The Division Bell” i 3 Floyd con Pratt, si ritrovarono all’Astoria nel Gennaio del 1993. Ne uscirono 60/70 demo suddivisi secondo il “metodo Ezrin”: divisi in 3 categorie (A, B, C – Acoustic, Blues, Cosmic). Il titolo originale di “Marooned” era “Cosmic 13” e le idee per i brani di “The Division Bell”, ovvero quegli spezzoni suddivisi in categorie, venivano successivamente “incollati” fra loro in più pezzi chiamati “clusters”. Da lì il titolo di “Cluster 1”. Per “Sorrow”, nel nuovo mix 2019, presenterà ancora la batteria suonata sui pad: una scelta precisa di Gilmour che su quel brano ama quel suono di pads elettronici. La “Marooned Jam” non è una demo o una versione alternativa: è un’improvvisazione vera e propria, senza pretesa di diventare un brano, che inaspettatamente poi si è trasformata in “Marooned”. Nick Mason non è d’accoro con Waters nel dire che tutta la produzione post-1983 è da buttare: anzi, è convinto che vi siano alcuni episodi dello stesso livello di bellezza dei gloriosi brani storici della band. Secondo Anthony Moore, riferendosi alla ripresa delle attività Floydiane nel 1986, il contatto iniziale avvenne per chiacchierare dei suoni e della produzione, più che dei testi. Gilmour venne probabilmente a conoscenza di Moore poichè “probabilmente fu portato alla sua attenzione che c’era un folle girovago che si occupava di film underground, colonne sonore e lavoro sperimentale con i Revox” (dichiarazione di Moore stesso).

Traduzione a cura di Cymbaline – Pink Floyd Magazine

Shine On!

PINK FLOYD: “ONE SLIP” IN ANTEPRIMA DAL NUOVO REMIX 2019

Nell’attesa dell’uscita del cofanetto ‘The Later Years 1987-2019’ è stato rilasciato in anteprima l’audio di “One Slip“, tratto dal nuovo remix 2019 di “A Momentary Lapse Of Reason”: chiamarlo “remix” è riduttivo perché l’album, oltre ad esser stato mixato per la prima volta in Dolby Surround 5.1, vede la rivisitazione di alcune parti di batteria da parte di Nick Mason e nuove parti di tastiera di Richard Wright, presumubilemte prese dal tour live, oltre la produzione aggiuntiva di David Gilmour e Andy Jackson. In questo specifico brano le parti di batteria originali erano state registrate da Jim Keltner (come anche su “Yet Another Movie” e “On the Turning Away”), ora sono state ri-registrate da Nick Mason, per le tastiere di Rick invece dovremo aspettare il booklet del box set per leggere se effettivamente sono prese dal tour live.

Colgo l’occasione per informare i lettori di un paio di cose:

* il cofanetto è annunciato per il 29 Novembre 2019, ma in Italia, Amazon ha dato come uscita la data del 13 Dicembre, non si sa il motivo di questo slittamento, che per l’appunto sembrerebbe esserci solo in Italia.

* sul profilo ufficiale YouTube dei Pink Floyd sono state pubblicate tutte le 4 canzoni tratte dal Live 8: Comfortably Numb era già stata pubblicata tempo fa, ma ora nella descrizione delle ultime 3 clip pubblicate (Breathe, Money e Wish You Were Here) c’è il “rimando” a “The Later Years”, ma in tutti i siti compreso quello ufficiale, in scaletta non è presente: siccome molti fan si aspettavano la presenza della storica performance all’interno del cofanetto, non è dato sapere se magari ci sia stato un ripensamento dell’ultimo momento e siano riusciti ad inserirlo, ma al momento ufficialmente il Live 8 non è presente nel cofanetto. Se così fosse, è stata un’enorme occasione persa per goderci l’ultimo concerto dei Pink Floyd in Hd.

Shine On!

PINK FLOYD: PROCEDURA PER I DISCHI “DIFETTOSI” DEL BOX “THE EARLY YEARS 1965 – 1972”

Nel 2016, il management dei Pink Floyd ha avuto che fare con un piccolo lotto di dischi Blu-ray forniti per “The Early Years 1965-1972”, che erano stati sottoposti a danni da trasporto non dichiarati (presumibilmente all’imballaggio / assemblaggio), causando eventuali scolorimenti e problemi di riproduzione nel tempo.

Ora abbiamo la certezza che una piccola quantità dei dischi seguenti è stata interessata:
CAMBRIDGE ST/ATION / EAN 0190295929855 / PFREY1-BD
GERMIN/ATION / EAN 0190295929831 / PFREY2-BD
DRAMATIS/ATION / EAN 0190295929824 / PFREY3-BD
DEVI/ATION / EAN 019029529817 / PFREY4-BD
REVERBER/ATION / EAN 0190295929800 / PFREY5-BD
OBFUSC/ATION / EAN 0190295929794 / PFREY6-BD
CONTINU/ATION / EAN 0190295929787 / PFREY7-BD1
CONTINU/ATION / EAN 0190295929787 / PFREY7-BD2

Se si dispone di uno dei dischi di cui sopra che presentano problemi di riproducibilità, dovete fare una fotografia delle condizioni del disco interessato (sia fronte che retro), e mandarla via e-mail a: earlyyears@wmgcustomerservice.com indicando i numeri di catalogo dei dischi interessati e allegando le fotografie all’e-mail, incluso l’indirizzo completo di spedizione dove verranno in seguito consegnati i nuovi dischi.

Infatti i dischi sostitutivi verranno prodotti in quantità limitata in base alla domanda, quindi bisognerà contattarli per e-mail prima e non oltre del 1° gennaio 2020, affinché la richiesta possa essere elaborata. Questa offerta non influisce sui diritti legali dell’utente.

Shine On!

PINK FLOYD: “THE LATER YEARS 1987 – 2019” – L’INTERVISTA AL DIRETTORE CREATIVO AUBREY ‘Po’ POWELL

Come uno dei co-fondatori di Hipgnosis, il team d’arte e design dietro alcune delle copertine degli album più iconiche mai realizzate, Aubrey ‘Po’ Powell ha lavorato con una lunga lista di artisti leggendari: dai Led Zeppelin e Black Sabbath a The Police e XTC. Ma insieme al suo ex partner Storm Thorgerson, il lavoro di Powell è spesso associato ai Pink Floyd, per il quale Hipgnosis ha disegnato una serie di copertine di album per un periodo di circa 15 anni, incluso l’iconico prisma presente nel loro album del 1973 the Dark Side of the Moon.


Per celebrare l’uscita il 13 Dicembre 2019 del cofanetto “Pink Floyd: The Later Years 1987 – 2019“, Aubrey ‘Po’ Powell ha rilasciato questa intervista a HMV:

Se possiamo tornare brevemente all’inizio della tua associazione con i Pink Floyd, hai conosciuto quei ragazzi prima che facessero parte di una band, vero? Quell’amicizia ha preceduto anche Hipgnosis?

Beh, è ​​iniziato perché ero a scuola vicino a Cambridge e Roger (Waters), Syd Barrett e David Gilmour sono tutti di Cambridge. Tutti giocavamo a cricket l’uno contro l’altro, a calcio, a rugby o altro. Le relazioni si formarono e Cambridge divenne una sorta di focolaio di quella che avrei considerato all’epoca una sorta di scena bohémien. Molti dei ragazzi che ho appena citato suonavano in diverse band e tutti uscivamo insieme, e andavamo tutti a Londra all’incirca nello stesso periodo, circa ’65 o 66, credo. Syd è andato alla scuola d’arte di Camberwell, Roger è andato al college di architettura, dove ha incontrato Nick Mason, quindi quelle amicizie si sono formate e Storm e io abbiamo condiviso un appartamento a South Kensington, era al Royal College of Art e io ero alla BBC. Quindi i Pink Floyd sono partiti e ovviamente perché eravamo tutti amici eravamo soliti andare alle prime serate e uscire insieme”.

È stato così che sono diventati la tua prima commissione?

Un giorno, mentre cercavamo la copertina per il secondo album Saucerful of Secrets, eravamo tutti insieme in una stanza e dicevano: ‘Bene, che cosa facciamo? Non vogliamo seguire il percorso normale su cui tutti gli altri scendono con una fotografia della band in prima di copertina ‘, che a quei tempi le case discografiche avevano praticamente insistito. Ricordo Storm che alzava la mano e diceva “Perché non ci dai una possibilità?”. E a quel punto non eravamo nemmeno Hipgnosis, eravamo solo due ragazzi che facevano copertine di libri e fotografavano, solo per guadagnarsi da vivere, sai? Eravamo tutti molto poveri. E hanno detto ‘OK, vai avanti’. Ero molto bravo in una stanza buia e Storm aveva molte idee, e insieme quel tipo di cose si è sistemato in qualche modo. Ed era molto appropriato per i Pink Floyd, perché erano intitolati “la band psichedelica di rock spaziale di Londra”, che odiavano.”

Lo fecero?

Sì, penso che lo abbiano fatto perché non volevano essere etichettati in quel modo, ma sono stati etichettati. Roger Waters aveva sempre grandi ambizioni di diventare una pop star, voleva essere ricco, voleva essere famoso. Syd Barret no. Ma in realtà erano solo circostanze. Era il momento giusto, il posto giusto. E improvvisamente Storm e io ci ritrovammo a chiederci di fare copertine di album per altre persone, che erano The Pretty Things, Alexis Korner, Free – una nuova band giovane all’epoca che ovviamente divenne Bad Company alla fine – e improvvisamente ci ritrovammo in questo mondo di copertine di album, che è stata la cosa più lontana da entrambe le nostre menti . Nel giro di un paio d’anni, avevamo uno studio a Soho e intraprendemmo una vera e propria carriera. Supponiamo che siamo diventati uno dei principali studi d’arte all’avanguardia nella progettazione di copertine di album. E che ha funzionato per 15 anni.

Hai lavorato con loro fino agli anni ’60 e ’70, erano solo le copertine degli album o eri coinvolto anche con le loro altre immagini?

No, per niente. Abbiamo semplicemente progettato le copertine dei loro album e ci siamo imbarcati in una o due altre aree come poster e fotografie dal vivo, foto della band in tournée e cose del genere. È andato tutto bene e Dark Side of the Moon nel 1973 è stato il momento clou assoluto di quella relazione ed è probabilmente diventato una delle copertine degli album più iconiche che ci sia mai stata. Ed è ancora usata ai giorni nostri da Pink Floyd come una sorta di simbolo per se stessi . Ma pensoche il fatto sia, sebbene siano stati sempre associati a Pink Floyd per la maggior parte del tempo con quello che definirei il nostro lavoro surrealista, devo dire che il lavoro che abbiamo fatto per Houses of the Holy dei Led Zeppelin, o Peter Gabriel o Genesis, resiste alla prova del tempo tanto quanto qualsiasi altra cosa. Ai Pink Floyd è capitato di farne parte.

Dev’esserci qualcosa di speciale nel lavoro che hai fatto per Pink Floyd, considerando che sei stato amico per così tanto tempo?

La cosa più importante di tutte, penso, è che il rapporto tra me, Storm e i Pink Floyd fosse di fiducia e amicizia, ed era molto giocoso, ci si divertiva molto. Cose come Atom Heart Mother, con l’immagine della mucca. Era solo un’idea nata da un incontro, io e Storm salimmo in macchina e andammo al Potter’s Bar alla periferia di Londra, trovammo un campo pieno di mucche, le fotografammo e le riportammo indietro, e c’era questa meravigliosa foto della mucca. Ricordo di essere entrato in Abbey Road e di aver detto “che ne pensi?”, E Roger che ha detto “Ecco!”. Abbiamo detto ‘L’unica cosa è, nessun nome sulla copertina e nessun titolo.’ E tutti sono andati “ovviamente”, il che ha fatto infuriare la casa discografica e il management, ma in realtà era solo un pensiero laterale, facendo l’antitesi assoluta di ciò che ci si aspettava. Ricorderò sempre di aver camminato lungo Sunset Strip a Los Angeles e di aver visto un enorme cartellone con solo la mucca, e la gente si chiedeva cosa fosse. Era un nuovo film? Un film horror? Un nuovo libro? Poi il giorno delle uscite, hanno messo accanto “Pink Floyd, Atom Heart Mother”, e ha funzionato. Ha generato molta pubblicità e interesse, ed è esattamente ciò di cui parlavano i Pink Floyd. Erano enigmatici, venivano intervistati raramente, raramente venivano visti anche durante i loro spettacoli dal vivo. Avrebbero voltato le spalle al pubblico o si sarebbero nascosti nell’ombra di questi fantastici spettacoli di luci.

O costruendo un muro di fronte a loro …

Si Esattamente. E così quel tipo di adattamento con Pink Floyd. E non penso che sia stato necessariamente grazie a Pink Floyd, era solo il modo in cui Storm e io lavoravamo. Abbiamo sempre pensato diversamente e volevamo essere diversi, non conformarci a quella che sarebbe considerata una normale giacca da album commerciale che una casa discografica vorrebbe avere. Semplicemente non eravamo interessati, eravamo interessati all’arte, non a nient’altro davvero.

Hai lavorato con un’incredibile lista di persone oltre a Pink Floyd, forse è stato quell’atteggiamento che ha attratto così tanti di questi artisti?

Sì, penso che sia quello che era. Devi ricordare che gli album sono stati venduti in decine di milioni, quindi l’industria era piena di soldi. Quindi, come studio, se abbiamo avuto un’idea scandalosa come “Andiamo alle Hawaii e fotografiamo una pecora su un divano” – che era per 10CC – era come “Oh sì, perché no? Facciamolo.’ Se Paul McCartney dicesse “Devi essere a New York domani, puoi salire su un Concorde e sistemarlo?”, Sarebbe “Sì, ok”. Era un periodo in cui tutto era possibile. E gli artisti, a causa del loro potenziale di guadagno con gli album, avevano il controllo creativo e potevano fare quello che volevano, in pratica. E questo è stato così contagioso per noi, era una licenza per fare quello che volevamo. È stato un momento incredibilmente privilegiato, non credo che tu possa farlo ora tra un milione di anni. Prima di tutto i budget non ci sono, in secondo luogo, gli elementi visivi hanno in qualche modo preso un posto in secondo piano. Voglio dire che il CD sta scomparendo, il vinile retrò è tornato, non come era prima, ma è ancora una tela interessante. Ma i giorni di Halcyon sono passati. Quindi c’è stato un periodo di tempo, per quei 15 anni, è stata una gioia essere in giro e un privilegio lavorare per avere la fiducia di quegli artisti. Far dire a Led Zeppelin o Pink Floyd “ehi, lavora con me, inventiamo qualcosa di interessante insieme” è stato semplicemente straordinario, e per questo mi tolgo il cappello da tutti quegli artisti “.

Hai fatto il tuo ultimo lavoro per Pink Floyd con Hipgnosis nei primi anni ’80 – è stato motivato dal desiderio di passare al cinema e altre cose? Cosa ha spinto il cambiamento?

Beh, la scritta era sul muro. Il punk era arrivato. L’industria era un po’ in difficoltà, avevano speso enormi somme di denaro e quando arrivava il punk tutto veniva fatto con pochi soldi. E penso che quelle indulgenze del prog-rock siano state messe da parte, non è stata considerata la cosa giusta da fare. MTV era iniziato, volevamo fare film, così siamo usciti dalle copertine degli album e siamo entrati in film in movimento. E, naturalmente, quello era l’apogeo del video musicale, che era anche incredibile. E abbiamo portato tutti i nostri clienti con noi. È stato meraviglioso. Ma poi Storm e io siamo usciti, molto male, e abbiamo lasciato la compagnia.

Quindi c’è un divario di oltre 30 anni prima che tu iniziassi a ricominciare a lavorare con Pink Floyd: come è avvenuta quella riconnessione?

È tornato a fare le copertine degli album, ha continuato e ha lavorato con Pink Floyd, e io no. Ho formato una compagnia cinematografica e ho avuto un grande successo in quel mondo, fino alla morte di Storm nel 2013. A quel punto non avevo lavorato con i Pink Floyd per un certo numero di anni, ma penso che ci fosse un incontro prima che morisse con Nick Mason e David Gilmour per parlare di quello che sarebbe successo. Storm disse: “Perché non lasci che Po prenda il controllo?” E non volevo davvero farlo, a dire il vero.

Oh no?

Non proprio, avevo la mia carriera e mi sentivo come se stessi andando leggermente indietro. Ma ho detto “OK, noi ti concediamo un anno, guarda come si espande”. E sono passati sei anni, lavorando come direttore creativo. E ragazzo, mi sono divertito molto a farlo. Una delle cose a cui è tornato in mente è che ho suggerito di fare una mostra dei Pink Floyd, che era al V&A, Their Mortal Remains. Sono stato direttore creativo per questo ed è stato così interessante, sono stati tre anni della mia vita a mettere tutto insieme e ha avuto un enorme successo. E ho sentito che in realtà, ricollegandomi ai Pink Floyd in quel modo, avevo fatto un buon lavoro per loro e per me. Mi è piaciuto e mi piace ancora lavorare con loro, è molto divertente.

Non sei stato coinvolto inizialmente per l’anniversario di The Division Bell?

Beh, sì, c’erano varie cose. E penso che l’altra cosa che ha cementato l’accordo, in un certo senso, sono state le mie relazioni con David Gilmour e Roger Waters. Penso che sia abbastanza noto che non vanno esattamente d’accordo, e poiché li conosco tutti da quando avevo 15 anni, in qualche modo sono stato in grado di passare dall’uno all’altro e discutere idee e aiutare con diplomazia nel tentativo di ricollegare elementi dei Pink Floyd che potrebbero andare avanti. La mostra è stata un perfetto esempio di ciò, ottenendo l’approvazione da parte di tutti e tre i membri di Pink Floyd, e senza di ciò, non sarebbe mai successo. Quindi mi sono trovato in una posizione costruttiva oltre che creativa. Ha funzionato piuttosto bene per tutti noi, immagino.

Qual è stato il tuo coinvolgimento con il cofanetto The Later Years?

Coinvolgimento totale, fin dall’inizio. È il mio lavoro. In precedenza avevamo realizzato un cofanetto chiamato The Early Years. Quindi l’idea era un’altra su quegli anni successivi, che sono principalmente album come A Momentary Lapse of Reason, The Division Bell, the Pulse tours, tutto quel genere di cose. E c’era un sacco di materiale inedito in precedenza, roba che non è mai stata ascoltata, materiale per le prove, film che non sono stati pubblicati da nessuna parte, che nessuno ha mai visto prima. Quando ti viene presentato un menu di cose e qualcuno dice “OK, dobbiamo avere un’idea di come esattamente questo viene compilato e messo insieme”, è esattamente quello che mi piace di più “. La prima cosa che dovevamo fare era trovare un’idea per la copertina dell’album. Ora, come direttore creativo, quello che mi piace fare non è fare tutto da solo, perché penso che ci siano così tante altre persone di talento là fuori con contributi da dare. Quindi quello che faccio con i Pink Floyd in questi giorni, e quello che ho fatto dal 2013, è andare da persone che penso siano aspiranti o interessanti e dire “OK, ecco un progetto, ti viene in mente un’idea”. Una di quelle persone era Michael Johnson, dello studio di design di Johnson Banks, e hanno inventato un sacco di proposte interessanti.

Quindi proponi il meglio di questi alla band da solo?

Li ho mostrati a David Gilmour e Nick Mason singolarmente ed entrambi hanno concordato qualcosa, che era la cosa che volevo davvero. È questo paesaggio con dentro un bambino piccolo e la piegatura dei lampioni mentre il bambino cammina lungo la strada. È leggermente fantascientifico e ultraterreno, e suppongo sia una metafora del potere, che è ciò di cui parlano i Pink Floyd. E penso che il simbolo di un bambino piccolo che cammina in lontananza in un paesaggio straordinario sia anche qualcosa a che fare con questa idea degli anni successivi, perché tutti noi – e includo me e Pink Floyd in questo – siamo tutti coinvolti gli anni autunnali delle nostre vite, quindi è stata una metafora importante da realizzare, visivamente, penso.

Come una specie di “cavalcata verso il tramonto”?

Beh, non esattamente, si chiama The Later Years ma sono sicuro che David e Nick andranno avanti. Nick è là fuori con la sua band Saucerful of Secrets in questo momento, David ha ancora un sacco di canzoni sotto la cintura e sono sicuro che ci saranno altre cose a venire. Se guardi The Division Bell, penso che sia stato l’album più venduto per i Pink Floyd da Dark Side of the Moon. Quando Roger Waters lasciò nel 1987 un nuovo ciclo dei Pink Floyd emerse da quello, che ha avuto un successo fenomenale, quindi penso che fosse importante giustificare quel periodo di tempo. Ci sono state tre specie di epoche di Pink Floyd, una con Syd Barrett, una quando David Gilmour si è unito e poi la parte successiva con solo Nick e David. Quindi penso che sia stato importante celebrare questi grandi album che David e Nick hanno realizzato insieme, ed è quello che abbiamo fatto con il cofanetto.

Abbiamo visto che c’è molto materiale audiovisivo inedito nel nuovo cofanetto, puoi parlarci di questo?

Bene, una delle cose, ad esempio, è il concerto Pulse. Con la tecnologia ora ci aspettiamo la massima qualità. Voglio dire, se devo filmare qualcosa ora lo girerò in 8K. Certo, è sorprendente come la tecnologia sia cambiata negli ultimi 30 anni e, poiché la versione più recente dei Pink Floyd è stata là fuori, è cambiata radicalmente. Ma quando torni negli archivi, cosa che ho fatto di recente e guardato tutto ciò che potremmo trovare, guardi un film come Pulse che è stato rilasciato 20 anni fa su DVD e probabilmente VHS,torni ai master originali e c’è così tanto che puoi fare, è stato tutto girato su Beta SP, che è un formato che vorrei paragonare alla radio a vapore. Ma in questi giorni ci sono modi di manipolazione e restauro digitale che può portare qualcosa a sembrare dannatamente buono. Quindi questa è una cosa che ho fatto e sembra piuttosto sorprendente, e ovviamente, perché David aveva tutti i nastri originali che siamo riusciti a ri-mixare il suono. suona alla grande.

Cos’altro possiamo aspettarci dal nuovo set in termini di elementi visivi?

Penso che la parte più interessante del pacchetto, per me, sia stata la ricerca di 350 bobine contenenti il ​​film Delicate Sound of Thunder. Ciò che è incredibile è stato il fatto che tutto quel film era in condizioni incredibilmente buone. Ho ripristinato digitalmente l’intero lotto, abbiamo eseguito l’upgrade a 4K – e in alcuni casi 6K – e in precedenza era stato un po ‘messo insieme. Mi sono reso conto che Wayne Isham, che era il regista originale del film, aveva girato tutto su 35mm e aveva avuto un lavoro terribile cercando di mettere insieme il suo film. I Pink Floyd non sono mai facili da filmare nel migliore dei casi, a causa della natura dei concerti. Aveva creato questo miscuglio di immagini che erano tutte sovrapposte l’una all’altra e non riuscivo davvero a capire perché avesse fatto, ma poi l’ho fatto, perché in pratica è stato girato in modo piuttosto sgangherato. Non deliberatamente, era solo la natura di come hai girato i film in quei giorni. Non c’era la raffinatezza e la comunicazione che abbiamo girato concerti dal vivo ora “.

Allora cosa hai fatto?

Ho preso tutto questo film, l’ho restaurato e rieditato. Ci sono voluti 16 mesi per farlo, e lo abbiamo portato al più incredibile concerto di due ore di film assolutamente bello, sembra incredibile. David ha ri-riprodotto il suono e ha remixato tutto, e il risultato è semplicemente spettacolare. Ed è l’unico film di concerti dei Pink Floyd, a parte Live at Pompeii. A parte questo, non esiste nessun altro film dal vivo di tutta la band dei Pink Floyd. Hanno filmato The Wall, ma non con successo, non sembrava molto bello, quindi non l’hanno mai pubblicato. Ci sono stati singoli film dei tour di David Gilmour e singoli film dei tour di Roger, ma non c’è mai stato un film live dei Pink Floyd che potresti vedere in un cinema. Questo sembra fantastico, è bellissimo, è assolutamente incredibile.

Ci sono piani per farlo? Mostrarlo nei cinema?

L’abbiamo mostrato un paio di volte in un cinema per noi stessi, solo per assicurarci che funzioni! Penso che ci siano piani in corso per proiettarlo, ma non lo so, non posso dire altro perché nessuno è ancora d’accordo, ma sono sicuro che ne verrà fuori qualcosa.

E l’altro materiale inedito che hai citato?

Ci sono registrazioni di prove di the Division Bell che non sono mai state ascoltate, c’è un grande libro illustrato con molte fotografie che non sono mai state viste prima, così come i disegni e le illustrazioni di alcune scenografie. In un certo senso, ho avuto la fortuna di aver realizzato la mostra Thei Mortal Remains, perché da lì ho scoperto un sacco di cose negli archivi che non erano mai state viste prima. Quindi è un culmine anche di questo, ma penso che come box-set abbia davvero qualcosa dei Pink Floyd che non è mai stato visto prima, è la raccolta di un sacco di frammenti, e nessuno di questi sta raschiando il barile, è tutto di ottima qualità e davvero meraviglioso.

Sembra proprio il tesoro …

È esattamente quello che è! Hai colpito l’unghia alla testa, è un tesoro di pezzi che penso che piacerà a chiunque sia un fan dei Pink Floyd, ma anche chiunque venga presentato ai Pink Floyd per la prima volta troverà alcuni pezzi affascinanti in là.

Intervista originale:

www.hmv.com

Shine On!